PROCESSO MICROSOFT: VITTORIA DIFESA PER APPELLO

26 Settembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha rigettato l’istanza dei legali del dipartimento di Giustizia che aveva chiesto di discutere l’appello del processo Microsoft Corp.(MSFT), direttamente davanti all’ultima istanza di giudizio.

I giudici hanno cosi’ sancito la competenza della Corte d’Appello, nonostante le raccomandazioni contrarie del giudice di primo grado, Thomas Jefferson, che dopo aver condannato la societa’ di Bill Gates a essere smembrata in due aziende indipendenti, aveva chiesto che l’appello, per abbreviare i tempi ed evitare danni all’economia, fosse discusso direttamente innanzi alla Corte Suprema.

Microsoft Corp. e’ stata giudicata in primo grado colpevole di concorrenza sleale e di pratiche di monopolio, in violazione della legge antitrust degli Stati Uniti.

La decisione della Corte Suprema allunga i tempi per il giudizio definitivo e consente ai legali di Gates di ridiscutere nel merito l’intera causa.

Subito dopo la notizia il titolo Microsoft ha guadagnato circa 5 punti salendo attorno a quota $65.