PREZZI IMMOBILIARI: CALO PREVISTO -25%

4 Febbraio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Un articolo pubblicato nell’ultimo numero di BusinessWeek sostiene che i prezzi delle case in America potrebbero calare di un ulteriore 25% nei prossimi 2-3 anni, “tornando ai valori che avevano nel 2000 se si tiene conto dell’inflazione”. L’articolo cita estesamente David A. Rosenberg, economista di Merrill Lynch, che spiega: “Noi vediamo il potenziale per un calo compreso tra il 25% e il 30% dei prezzi immobiliari nei prossimi due anni”.

E poi e’ citato Chris Flanagan, capo della ricerca di JP Morgan Chase (asset-backed securities group) il quale predice a sua volta che i prezzi delle case negli Stati Uniti scenderanno del 25%, con un bottom non prima del 2010. Ian Shepherdson di High Frequency Economics, sostiene addirittura che un crollo del 40% non lo soprenderebbe affatto, si legge sempre nello stesso articolo. Anche perche’ nel lungo termine e’ statisticamente dimostrato che i prezzi immobiliari salgono, depurati del’inflazione, dello 0.4% all’anno, e cio’ significa che i prezzi delle case negli Stati Uniti (ma anche in Italia, Gran Bretagna e Spagna) sono saliti negli ultimi anni a livelli altissimi e in tempi molto accelerati, staccandosi completamente e in modo assurdo dal trend storico. Corollario? Adesso il pendolo va dall’altra parte.

Mercato ricco di insidie e di opportunita’. E con news gratis, non vai da nessuna parte. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER