Previsioni sbagliate sui dati economici, cosa fare con i propri risparmi

29 Aprile 2022, di Leopoldo Gasbarro

Previsioni sbagliate sui dati economici, cosa fare con i propri risparmi

A dispetto delle previsioni ieri sono scesi il Pil negli Stati Uniti e l’inflazione spagnola. Gli analisti prevedevano l’esatto contrario. E pensare che ci sono risparmiatori che pensano ancora di poter far da soli.

E’ il giorno dei dati che non ti aspetti. Anzi, che non si aspettava nessuno. In Spagna si prevedeva l’inflazione in rialzo ed invece è data in leggero ribasso. Negli Stati Uniti si immaginava un PIL positivo di un punto percentuale ed invece ci si è ritrovati con un valore negativo di 1,4%.

Insomma, gli analisti o hanno preso una cantonata, considerato le loro previsioni, oppure si ritrovano a dover far fronte ad una situazione economica molto difficile da interpretare. Ma questi numeri potrebbero rappresentare un forte indicatore per le banche centrali già pronte ad alzare i tassi di interesse.

Considerato tutto sembra ci sia meno necessità di una politica monetaria così fortemente interventista. Potrebbe essere utile aspettare qualche giorno in più per verificare se i dati appena usciti rappresentino un fuoco di paglia o un vero e proprio cambiamento macroeconomico.

I risvolti per i risparmi

Intanto i mercati restano alla finestra, ma nonostante tutto, le tensioni di guerra e la situazione Covid in Cina, sembrano leggere l’urto meglio di quanto ci si aspettasse. Una cosa è certa, chi dovrebbe ripensare l’approccio all’uso del risparmio e agli investimenti che ne possono derivare, sono proprio i risparmiatori italiani. Sono chiamati ad un salto di qualità, quello che nessuno li aiuta a compiere.

Anche l’offerta di prodotti finanziari potrebbe essere semplificata permettendo così una scelta più consapevole e più orientata alla corretta diversificazione degli investimenti e dei propri risparmi. Bisognerebbe prendere spunto, come abbiamo già scritto più volte, da chi ne sa più di noi. I fondi pensione più grandi al mondo stanno creando da anni ricchezza facendo quello che dovremmo fare anche noi piccoli investitori:

  1. Concentrarci nel lungo periodo;
  2. Diversificare al massimo;
  3. Disinteressarsi del market timing;
  4. Concentrare gli sforzi di investimento identificando con chiarezza gli obiettivi da raggiungere.

Tutto questo si traduce in una parola: pianificazione. Sembra banale vero? Ma mi piacerebbe sapere da qualcuno di voi, anzi da tutti voi che leggete, quanti hanno davvero seguito questo semplice banale, ma straordinariamente importante, percorso.

La macroeconomia ce l’ha dimostrato proprio oggi: neanche i massimi esperti di finanza hanno la sfera di cristallo per capire cosa può succedere sui mercati. Non ci riescono loro, come possiamo pensare di riuscirci noi?