PRE-BORSA: INCERTEZZA A NEW YORK, FOCUS SU DATI

3 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Si profila una seduta interlocutoria per il mercato azionario. Ad un’ora e mezza dall’avvio delle contrattazioni i contratti sui principali indici di Borsa scambiano in prossimita’ della linea di parita’ (vedi quotazioni a fondo pagina).

Un rapporto pubblicato da Challenger, Gray & Christmas ha mostrato che i tagli al personale previsti potrebbero aumentare per la prima volta da luglio. Nel dettaglio, le aziende dovrebbero ridurre la forza lavoro di piu’ di 71.000 unita’. Si tratterebbe del livello piu’ alto in cinque mesi.

I numeri, uniti alle difficolta’ incontrate dal mercato nel proseguire il momentum positivo dopo due rally consistenti di fila, hanno iniziato a mettere sotto pressione i listini.

In ambito macroeconomico, tra i dati che verranno pubblicati oggi figurano la lettura del report ADP sull’occupazione, previsto alle 14:15 italiane, che precedera’ il piu’ atteso rapporto mensile del governo.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

Anche se le cifre piu’ importanti per avere un quadro dello stato di salute del mercato del lavoro sono quelli di venerdi’, a detta degli analisti val la pena tenere sotto osservazione i numeri dell’ADP, che dovrebbero mostrare un calo di circa 30.000 posti di lavoro. Alle 16 italiane sara’ invece la volta dell’indice ISM dei servizi.

All’interno della sfera societaria, e’ prevista la presentazione dei conti fiscali, tra gli altri, di Pfizer, Time Warner, AOL e Black & Decker.

Ieri la conglomerata media News Corp ha riportato un profitto migliore dele attese, grazie all’ottima performance al box office di Avatar e al business della tv via cavo. La societa’ di Murdoch e’ proprietaria del Wall Street Journal, dell’agenzia di stampa Dow Jones e dell’emittente Fox.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico in progresso le quotazioni del greggio. I futures con consegna marzo avanzano di $0.23 attestandosi a quota $77.46 al barile. Sul valutario la moneta unica e’ in rialzo a $1.3994. In ribasso l’oro a $1117.70 l’oncia (-$0.30). In calo i prezzi dei Titoli di Stato, con il rendimento sul benchmark decennale che si attesta al 3.6600% dal 3.6350% di ieri.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ invariato a 1096.70.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -0.50 (-0.05%) a 1769.00.

Il contratto sull’indice Dow Jones cede 1 punto (-0.01%) a quota 10223.00.