Portogallo e Irlanda: situazione molto piu’ grave della Grecia

2 Dicembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

Ormai e’ ben noto a tutti che i problemi finanziari dell’Irlanda sono diversi da quelli della Grecia, tuttavia in entrambi i casi si puo’ parlare di piena crisi del debito sovrano. La differenza chiave che intercorre tra le due puo’ essere applicata al gruppo di nazioni a rischio della periferia dell’area euro rimaste in piedi senza bisogno di aiuti da parte di FMI e Ue.

La Grecia ha un problema del debito sovrano e un altro di deficit fiscale, ma non ha un problema sul fronte del debito privato. Al contrario, Irlanda, Portogallo e Spagna hanno un ammontare di debito privato enorme se si confronta con le dimensioni delle loro economia. Quella messa peggio di tutti e’ l’Irlanda.

Secondo Morgan Stanley una specie di “consumo esagerato alimentato dal credito” ha preso piede anche a Lisbona. E questo non certo per dire che le spese al consumo sono state particolarmente alte nell’ultimo decennio. E’ un’osservazione riferita al fatto che i consumi delle famiglie sono aumentati con la stessa rapidita’ registrata in media nell’Eurozona, nonostante una crescita del reddito pro capite molto piu’ debole.

In altre parole, prima dello scoppio della crisi finanziaria dei PIIGS l’economia lusitana ha dato segnali di un eccessivo livello dei consumi, se confrontato con i fondamentali. E siamo gia’ a tre. Avanti il prossimo.