Portogallo adotta misure anti-deficit

13 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Dopo la Spagna anche il Portogallo annuncia misure per ridurre il deficit di bilancio. Il primo ministro portoghese Jose Socrates ha affermato che il Paese ridurrà il rapporto deficit/PIL dell’anno in corso al 7,3%, tasso inferiore all’8,3% annunciato a marzo, mentre per il 2011 il target del rapporto è visto in calo di due punti percentuali rispetto al 6,6% precedentemente stimato. Per raggiungere questi obiettivi, ha spiegato Socrates, il Portogallo adotterà una serie di misure quali la riduzione delle spese e l’aumento delle tasse. In particolare Le imposte sul reddito avranno un aumento straordinario dell’1-1,5%, mentre gli utili delle grandi imprese e delle banche subiranno una tassa del 2,5%. In aumento di un punto percentuale anche le imposte sul valore aggiunto. Previste ulteriori tassazioni sui salari dei dipendenti pubblici e dei politici, con una riduzione del 5%. Tali misure saranno effettive fino alla fine del 2011.