“Portate i soldi all’estero. Intesa ai tempi di Passera”

22 Agosto 2012, di Redazione Wall Street Italia

Roma – Intesa ai tempi di Passera: “Portate i soldi all’estero”. Così in apertura il Fatto Quotidiano dell’edizione odierna (22 agosto). Il giornale diretto da Antonio Padellaro racconta di una riunione strategica avvenuta nel 2011 nella sede milanese dell’istituto.

Il gip ne avrebbe parlato definendolo un “sistema creato da funzionari della banca per riciclare i fondi neri dei grandi gruppi in Lussemburgo”.

L’articolo, che porta la firma di Vittorio Malagutti, prosegue spiegando che “una cimice incastra il colosso”. “Eccola, la frase che chiama in causa Banca Intesa e che giustifica dubbi e sospetti sul ruolo dell’istituto milanese, all’epoca guidato da Corrado Passera, nel caso Giacomini, una storia di frode fiscale e riciclaggio da centi- naia di milioni di euro”.

Al ministro è dedicato anche l’editoriale di Marco Travaglio che titola così “Corrado Passerella”. “Due estati fa il banchiere Corrado Passera sfilava in passerella al Meeting di Rimini, dove ormai è una rubrica fissa, con una requisitoria contro “tutta la classe dirigente italiana” che “non risolve i problemi della gente” e “suscita indignazione” […]

“L’altroieri il Passera è tornato per la decima volta al Meeting, non più in veste di banchiere ma in quella di esaministro (Sviluppo economico, Infrastrutture, Trasporti, Comunicazioni, Industria e Marina mercantile”.