Pop Emilia Romagna, modifica statuto su governance

10 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Banca Pop Emilia Romagna ha comunicato con una nota che il Cda ha deliberato un progetto di modifiche statutarie, da sottoporre all’approvazione di convocanda Assemblea straordinaria dei soci, recante, tra l’altro, significative innovazioni nell’ottica, da tempo intrapresa, di favorire una sempre più rilevante partecipazione dei soci in Assemblea e di agevolare una più ampia rappresentanza negli organi aziendali delle diverse componenti della base sociale, nel necessario rispetto del principio della sana e prudente gestione. In sintesi, si legge nella nota, le predette modifiche riguardano, in particolar modo, i meccanismi di svolgimento dell’Assemblea, la rappresentanza dei soci e l’elezione dei consiglieri di amministrazione. Nello specifico, per quanto concerne lo svolgimento dell’Assemblea, il progetto prevede che essa possa essere validamente tenuta anche mediante l’utilizzo di sistemi di collegamento a distanza. Relativamente alla rappresentanza dei soci, il progetto amplia la possibilità di partecipazione all’Assemblea, prevedendo che ciascun socio possa rappresentare per delega fino a quattro soci in luogo degli attuali due. Infine il progetto prevede che ad ogni tornata elettorale annuale di rinnovo parziale del Consiglio di amministrazione venga eletto un cosiddetto “Consigliere di Minoranza”, ovverosia un consigliere tratto dalla lista risultata seconda per numero di voti conseguiti: in tal modo i Consiglieri di Minoranza saliranno, a regime, a tre. Tale ultima proposta di modifica, ove approvata dai soci, è destinata ad entrare in vigore a partire dalla data dell’Assemblea convocata per l’approvazione del bilancio relativo all’esercizio 2010. Il progetto di modifiche statutarie deliberato dal Consiglio di amministrazione verrà sottoposto, ai sensi delle vigenti disposizioni, all’accertamento di vigilanza da parte della Banca d’Italia.