PIAZZA AFFARI: UNICREDITO CONSOLIDA SOPRA €4,1?

5 Novembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

Giornata di gloria per Unicredito (+4,84% a €4,29) che cresce in modo deciso e con forti scambi, quasi 13 milioni, che non sono in realtà sostenuti da nessuna notizia in particolare, ma dal concorso di diversi fattori.

Il guadagno di oggi è legato alle autorevoli dichiarazioni di questa mattina sul fatto che la Banca Centrale europea potrebbe tagliare i tassi questa settimana e i bancari sono i primi a beneficiarne. Intanto si sta sgonfiando progressivamente il caso “Monti”, soprattutto in relazione a banche come Unicredito che non avranno ripercussioni anche in caso di revisione delle condizioni di legge come richieso in via indiretta dal commissario europeo.

Il titolo come segnala Donatella Prinicipe, analista della Popolare di Vicenza, “tra i bancari è uno dei più difensivi: contro il settore che ha perso il 3,8% la scorsa settimana Unicredito ha registrato appena una flessione dello 0,7%”.

”Dopo il tracollo legato alla presunta operazione Commerzbank conserva ancora ampio spazio di risalita e questo movimento al rialzo potrebbe essere un tentativo di forzare, per consolidare finalmente, la resistenza tecnica dei €4,1” aggiunge l’analista.

Inoltre, segnalano nelle sale operative, bisogna tenere presente che l’istituto di Piazza Cordusio è tra le banche garanti dell’aumento di capitale di Olivetti e quindi c’è, comunque, un effetto riflesso.