Piazza Affari tonica con Europa

19 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Partenza al rialzo per Piazza Affari in sintonia con il resto d’Europa, sulla scia delle chiusure positive di Wall Street la viglia e Tokyo stamane. Sul mercato valutario, l’euro resta ostaggio di profit taking e scambia nei confronti del biglietto verde appena poco sopra quota 1,28 dollari. Tra le altre valute, lo yen conferma la sua fase ascendente, sostituendo in questi giorni il dollaro come bene rifugio, sull’incertezza che continua a regnare sui mercati. L’agenda di oggi prevede la diffusione nel pomeriggio dei dati sulle richieste di sussidio alla disoccupazione, il superindice di luglio ed il Philly Fed di agosto. Attese in mattinata le vendite al dettaglio in Gren Bretagna di luglio. Sulle prime rilevazioni, l’indice FTSE IT All-Share mostra un rialzo dello 0,66% a 21.176,3 punti mentre il FTSE MIB avanza dello 0,70% a 20.680,12 punti. Bene anche il FTSE IT Mid Cap con un progresso dello 0,35% a 22888,42 punti. Domina il denaro sul principale paniere, con Fiat che continua a fare bene sovraperformando anche l’intero settore auto, in fermento per la presentazione del filing alla Sec, per l’Ipo di General Motors. Accesi i petroliferi con Tenaris. Più contenuta la salita di Eni e Saipem. Tra gli altri energetici, in luce Enel con la stampa che ipotizza un interesse per la polacca Enea da parte della controllata Slovenske Elektrarne. Toniche le banche e gli assicurativi quest’ultimi galvanizzati dall’intero comparto insurance europeo promosso ieri da Fitch sulla tenuta degli stress test. Non fa presa il cemento con Italcementi e Buzzi in coda al listino, che risentono delle indicazioni negative giunte dal gruppo cementiero svizzero Holcim sul secondo trimestre. Nelle costruzioni, soffre Impregilo. Riprendono gli acquisti su Lottomatica dopo la pausa di ieri, con la controllata GTech che ha vinto una commessa per il rifacimento di parte della lotteria svizzera. Denaro su Stm che beneficia dell’outlook positivo fornito dalla statunitense Applied Materials ed il suo ritorno in utile nel terzo trimestre.