PIAZZA AFFARI: TISCALI TENSIONI PER IL LOCK UP

22 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

Tiscali è in forte flessione oggi sul Nuovo Mercato dove cede il 4,75% a €10,95. Il titolo viene da alcune sedute in recupero grazie, in particolare, all’effetto traino creato da debutto positivo sul listino francese del Nouveau Marché.

Ma da oggi, come anticipato da Wall Street Italia, il titolo inizia a soffrire per le nuove scadenze che potranno portare nuove pressioni sulle azioni dell’Internet service provider.

Tra un paio di settimane, infatti, scade il lock up delle azioni Liberty Surf per il 2,3% del capitale pari a 8 milioni di titoli.

I due soci che hanno ricevuto in tutto il 10,4% di Tiscali lo possono vendere in 3 tranche di cui una tra due settimane, l’altra tra
settembre e dicembre e la terza da dicembre in poi, con il vincolo di non più di 200 mila titoli al giorno.

Le tensioni maggiori sono attese per l’autunno in attesa di vedere che cosa farà il patron Renato Soru delle azioni in suo possesso. A settembre scade infatti il lock up sulle azioni in suo possesso, pari al 28,7% del capitale: qualcosa come più di 22 milioni di azioni.

“Il titolo ha finito di scontare l’esordio positivo sul mercato francese e ora guarda con paura la scadenza dei prossimi lock up” commenta a Wall Street Italia una analista di una Sim italiana.

“Il titolo ha margine di discesa sino a €10, ma sarà difficile che rompa quel livello che è una soglia psicologica importante. Per rivedere il titolo sui €13-€14 bisognerà attendere l’autunno” conclude l’analista.

Il lock up è un meccanismo in base al quale i soci rilevanti di una società (tra i quali i fondatori, gli amministratori, i dirigenti) si impegnano a non vendere per almeno un anno i titoli della società stessa, secondo le regole imposte da Borsa SpA.