PIAZZA AFFARI: STM TIENE MALGRADO CATTIVE NOTIZIE

4 Settembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

Prova di forza per STMicroelectronics che a Piazza Affari sale dello 0,12% a €33,35 dopo aver toccato un minimo a €32,6 e un massimo a €34,7. Buoni i volumi di scambi pari a 3,4 milioni.

L’andamento simile a quello delle montagne russe è legato agli umori degli investitori in relazione alle notizie che arrivano sulle società tecnologiche e sul mercato dei chip.

La società italo-francese ha subito meglio delle concorrenti i dati sul mercato dei chip.
Le vendite mondiali di semiconduttori sono infatti calate in luglio del 37,2% sull’anno portandosi a quota $10,86 miliardi; lo ha comunicato la Semiconductor Industry Association (SIA), associazione che raggruppa i maggiori produttori di chip nel mondo. La flessione e’ del 6,1% se paragonata al mese di giugno.
(SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


CHIP: ANCORA IN CALO LE VENDITE NEL MONDO)

Un’altra notizia negativa è arrivata nel pomeriggio: Dan Niles, analista di punta di Lehman Brothers, ha infatti tagliato le stime su utili e fatturato del colosso dei chip Intel (INTC – Nasdaq) per il terzo trimestre dell’anno. (SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


UTILI: LEHMAN TAGLIA STIME SU INTEL)

La mattina si era invece aperta sull’onda dell’euforia sulla scia della chiusura positiva di Tokyo e dell’annunciata operazione di Hewlett-Packard su Compaq” (Vedi PC: HEWLETT-PACKARD COMPRA COMPAQ).