PIAZZA AFFARI: STM PROVA A FORZARE RESISTENZA

11 Aprile 2001, di Redazione Wall Street Italia

STMicroelectronics vola a Piazza Affari dove segna un rialzo del 3,15% a €39,95 dopo un massimo a €40,55.

Il titolo si sta dimostrando impermeabile ai risultati negativi del colosso americano Motorola (Vedi Utili: Motorola perde 9 cent per azione 1° trim).

Donatella Principe, analista di Banca Popolare di Vicenza, spiega a WallStreetItalia che una buona spinta viene dalla notizia che Intel ha annunciato il lancio, con un mese di anticipo e con il 40% di sconto, del suo nuovo processore Pentium IV: “questo ha dato una sferzata di vitalità all’intero comparto dei chip”, dice.

Inoltre proprio oggi il maggior designer di microprocessori in Europa, ARM Holdings Tlc ha fatto sapere che le vendite del primo trimestre del 2001 sono cresciute più dell’atteso 52%, con domanda forte per prodotti e servizi. Il vertice della società afferma anche che “siamo ottimisti per i prossimi due trimestri”.

In Europa il settore legato ai semiconduttori è in crescita, con eccezioni per Ericsson e Siemens che scendono; salgono invece Alcatel alla borsa di Parigi, Marconi alla borsa di Londra, e più in generale l’indice settoriale Eurostoxx che guadagna lo 0,5%.

In questo momento, avverte comunque Principe, non è il caso di comprare: “STMicroelectronics si trova ora a ridosso della resistenza a €40,40, che già due volte ha provato a forzare. Se riesce a infrangere questa soglia, allora può arrivare fino a €45, ma per comprare bisogna aspettare qualche giorno perché la rottura dei €40,40 si consolidi”.

Altrimenti, se non riuscirà a forzare la resistenza, il titolo potrebbe arretrare. “In quel caso, consiglio di comprare sui €33-€35,3”.