PIAZZA AFFARI: STM E FINMECCANICA AGLI ANTIPODI

19 Settembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

STMicroelectronics e Finmeccanica si trovano, una volta tanto, su due fronti opposti. La prima perde terreno, la seconda guadagna.

STMicroelectronics lascia l’1,71% a €23,62.

La sua controllante Finmeccanica cresce invece dell’1,31% a €0,73.

Finmeccanica sta trattando per portare a termine joint venture con Eads, Airbus Thales e Alcatel
nei campi della difesa, dell’aviazione civile e dei sistemi spaziali.

Un gestore di Uniprof che chiede di non essere citato dice a Wall Street Italia che il gruppo ha forti potenzialità di crescita in caso di guerra perché aumenta la domanda di sicurezza, anche in campo aerospaziale, e di armamenti.

“Ma la componente di STM sul Net asset value di Finmeccanica è molto forte – dice l’operatore – e non è detto STM cresca in questa situazione, anche se bisogna ammettere che con l’attentato alle torri gemelle è andata distrutta tanta tecnologia”.

Per Finmeccanica Erasmo Palella, gestore di Banque Cortal (Bnp Paribas), individua un supporto a €0,69 e una resistenza a €0,76.

Martedì Lehman Brothers ha dato la raccomandazione “Buy”, cioè comprare, sul titolo, con giudizio positivo ma senza indicare il target price.

Per STMicroelectronics Paolella individua un supporto a €23, la resistenza a €25,2.