PIAZZA AFFARI SOTTO PRESSIONE

6 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari in negativo con il Mibtel e il Mib30 in flessione di oltre lo 0,60%. Dal Globex non vengono indicazioni particolarmente positive, nè aiuta il mercato l’approssimarsi della riunione della Bce (Banca centrale europea), che dovrebbe aumentare i tassi di interesse.

In questa giornata sottotono sono pochi gli spunti positivi, e quei pochi vengono dai bancari (oggi si riunisce il Consiglio di amministrazione di Banca Intesa per lanciare la mega-ristrutturazione del Gruppo), da Generali nel comparto degli assicurativi e da qualche industriale.

Corre sempre la Fiat, sebbene abbia rallentato rispetto alle ore precedenti: il titolo cresce dell’1,65%. Le finanziarie di famiglia Ifi e Ifil hanno da poco smentito le voci sull’offerta di acquisto delle azioni della Spa.

Tra i maggiori cali si segnalano quelli di Olivetti, in perdita dell’1,88%, ma anche di Autostrade, che cede terreno per la seconda giornata consecutiva; ora è a -2,77%, a 7,90 euro (un euro vale 1936,27 lire).

Anche per Espresso la situazione non è rosea, visto che perde il 5,56%, a 14,4 euro con un minimo a 14,36 (ieri aveva già perso l’1,43%). Ma del resto tutti gli editoriali e i media sono sotto pressione; perde quota Mediaset, oltre il 3%.