Piazza Affari si risolleva dai minimi dopo Wall Street

19 Aprile 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Ancora in rosso ma al di sopra dei minimi intraday i principali indici di Piazza Affari che, al pari delle altre borse europee, beneficia seppur timidamente del rafforzamento di Wall Street dopo la diffusione del Leading Indicator. Il dato di marzo è infatti cresciuto dell’1,4% balzando rispetto al +0,4% rivisto del mese precedente e risultando nettamente migliore delle attese degli analisti che erano per un +1%. In lieve recupero anche la moneta unica nei confronti del dollaro con il cross eur/usd a 1,3468, mentre il petrolio continua a viaggiare attorno agli 81 dollari al barile. A poco più di un’ora dall’avvio di Wall Street l’indice FTSE All Share perde lo 0,62% e l’indice FTSE MIB lo 0,60%. Si conferma in forte calo il settore alimentare con Parmalat molto sofferente nel giorno dello stacco della cedola. Non migliorano i finanziari, compresi i titoli del risparmio gestito, mentre continua a viaggiare in controtrend Montepaschi dopo un upgrade di Deutsche Bank. Tra le poche blue-chips acquistate si collocano alcune utilities e STM, quest’ultima in scia alla proposta di un aumento della cedola da sottoporre ai soci alla prossima assemblea. Sarà pagato quest’anno un dividendo di 0,28 dollari, decisamente superiore a quello dello scorso anno. Inversione di marcia per Fiat che viaggia ora con un calo superiore al mezzo punto percentuale.