PIAZZA AFFARI: SEAT, PRIMO SUPPORTO A €1,17

4 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

Seat Pagine Gialle affonda a Piazza Affari con un ribasso del 2,23% a €1,18. L’incertezza che avvolge l’operazione sulla svedese Eniro e la possibilità di un rilancio al rialzo di Seat a favore della controllante Telia non piace al mercato che si sta disimpegnando.

“Il titolo in questo momento ha un primo supporto a €1,17 – dice a WallStreetItalia Cristina Peccati, analista tecnica di Centrosim – se dovesse rompere questo supporto allora lo rivedremmo a €1,14, in un’ottica di breve; al rialzo, a meno di buone nuove, non lo vedo al di sopra di €1,21, sempre in un’ottica di breve. Comunque in questo momento il titolo è in mano alla speculazione”.

L’analista di una primaria Sim milanese che chiede di non essere citato sostiene che tutto quello che c’è da fare adesso è attendere il 12 giugno: quel giorno scadrà l’offerta di Seat su Eniro.

Vale la pena ricordare che inizialmente Seat aveva subordinato la sua offerta (12,25 azioni Seat ogni azione di Eniro, per l’emissione di complessivi 2 miliardi di nuove azioni Seat) all’accettazione del 50%.

Calcolando che Telia possiede il 49% di Eniro, se sottoscrivesse interamente l’offerta permetterebbe a tutta l’operazione di andare in porto. “Adesso potrebbe accadere che Seat accetti una soglia più bassa, magari il 20 o il 30% – dice l’analista – il mercato non vede di buon occhio possibili sviluppi della vicenda, ma dal punto di vista industriale l’operazione è valida”.

Con Eniro infatti Seat si assicurerebbe il business delle pagine gialle in Svezia, calcolando tra l’altro che le pagine gialle di Eniro sono consultabili anche via telefonino cellulare, con sistemi di localizzazione della posizione dell’utente che chiama per avere informazioni.