PIAZZA AFFARI RIPORTA SU LA TESTA CON LE TLC

26 Febbraio 2003, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari a metà seduta è tornata in positivo, dopo essere discesa al di sotto della parità nel corso della mattinata.

Gli indici tuttavia si limitano a galleggiare, e il Numtel è ancora negativo.

Le altre borse europee sono deboli e dagli Usa i future lasciano pochi dubbi su come sarà l’impostazione della giornata americana dopo il recupero della vigilia.

Piazza Affari sembra comunque tenere più degli altri mercati del vecchio continente.

Per questo non ha da ringraziare gli assicurativi, tutti in calo, né i bancari, tra i quali solo Intesa, Unicredito e Antonveneta sono positivi, e nemmeno il risparmio gestito.

Più che altro i telefonici offrono il giusto sostegno, e Mediaset che cresce più di tutti sul Mib30 sfruttando il momento di difficoltà che sta attraversando la Rai.

In generale tutto il comparto media-editoriale è vivace. Sul Midex buon passo di Espresso.

Per il resto, il quadro è debole. Particolarmente significativa è la perdita di Saipem; giù anche gli altri energetici, e gli industriali, tra i quali Fiat.

Il Mib30 offre pochi spunti. Tra questi va segnalato quello legato a Enel. Il gruppo secondo indiscrezioni è in corsa per rilevare la maggioranza di Fs Hydro, rete di depurazione delle acque.

Tra gli altri titoli, attenzione puntata sul Numtel, dove Cad It non riesce a fare prezzo, dopo l’annuncio della distribuzione di un dividendo di €3.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours clicca su Borsa Italiana