PIAZZA AFFARI: PIRELLI E OLIVETTI SULLA SCENA

6 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Olivetti e Pirelli restano sulla ribalta in apertura di settimana e salgono sulla scia degli articoli di stampa che ipotizzano l’accorciamento della catena di controllo del gruppo Telecom-Pirelli.

Secondo il Financial Times, le ipotesi allo studio sono tre: la fusione Olivetti-Pirelli; quella tra Telecom e Pirelli e quella che ricomprende tutti gli elementi compresa la stessa Newco, la società che attraverso il 23% di Olivetti controlla il Gruppo Telecom.

“Al momento niente di tutto questo mi sembra possibile – commenta il responsabile della sala operativa di una Sim straniera che opera sul mercato italiano e che preferisce rimanere anonimo per politica aziendale – perché la quota di Pirelli in Olivetti, in qualsiasi caso, verrebbe diluita eccessivamente e andrebbe sotto il 10%”.

“In queste condizioni non ci sono soluzioni per allungare la coperta che resta sempre troppo corta – aggiunge l’operatore – a meno che non arrivi lo zio d’America o l’alleato tedesco”.

Da tempo si parla di un interesse della Deutsche Telekom a entrare nel mercato italiano e in questi giorni si sono amplificate le voci che vorrebbero i tedeschi al fianco della Pirelli come partner finanziario ma non solo.

“Il progetto di restringere la catena di controllo esiste, ma è a lungo termine – aggiunge l’operatore -. L’unica cosa fattibile al momento e senza la partecipazione di elementi esterni, è la fusione tra Pirelli e Pirellina”.

A Piazza Affari Olivetti sale del 2,55% a €1,970 con oltre 24 milioni di titoli scambiati, mentre Pirelli segue con un guadagno del 2,51% a €2,615 con 5,2 milioni di azioni passate di mano.