PIAZZA AFFARI PERDE IL GUADAGNO DELL’AVVIO

24 Maggio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari ha invertito la rotta e a metà seduta si fa trovare in ribasso dopo essersi mangiata il guadagno segnato in apertura.

L’andamento della borsa italiana contrasta con quello delle principali piazze europee: l’avvio con il più è confermato anche al guro di bua della metà seduta.

La flessione avviene sulla scia dell’incertezza emanata dai future sugli indici Usa, e a dispetto della vivacità espressa sia dai telefonici che dai bancari.

Tra i titoli che stanno perdendo maggiormente terreno sul Mib30 c’è Fiat, su cui, secondo i rumor che girano in ambienti finanziari, ieri si sarebbe svolto un vertice tra le banche creditrici.

Poco fa il presidente del gruppo Paolo Fresco è stato ricevuto a Palazzo Chigi.

Al termine del Consiglio dei ministri il governo ha fatto sapere che è stato
“esaminato il problema” della crisi Fiat “e individuato
delle linee di azione”.

Legato alla vicenda del gruppo torinese c’è l’andamento del titolo IntesaBci: il mercato teme che la banca, a quanto pare la più esposta nei confronti del Lingotto, possa soffrire in modo particolare.

Per il resto, invece, il comparto degli istituti di credito italiani si muove positivamente.

Tra gli altri titoli del settore si apprezza anche San Paolo Imi: questa mattina è stato stipulato l’atto di fusione con Cardine Banca.

A gonfie vele il risparmio gestito, con Fideuram in testa.

Molta attenzione su Stmicroelectronics, dopo che, pochi minuti fa, la banca d’affari americana Goldman Sachs ha rivisto al ribasso le previsioni sul mercato dei microchip.

Oggi è giorno di assemblea degli azionisti di Enel. Il presidente Chicco Testa ,ha detto che il dividendo proposto dal consiglio di amministrazione per l’esercizio 2001 (€0,36 per
azione) offre un “rendimento significativo (oltre il 5%)” ed
“è sostenibile nel tempo, grazie al previsto buon andamento
della gestione e alle previste ulteriori operazioni
straordinarie nel 2002 e 2003”.

Quanto alla controllata di telefonia Wind, su cui si sono moltiplicate negli ultimi giorni numerose indiscrezioni riportate anche da Wall Street Italia, l’amministratore uscente Franco Tatò ha detto che “d’ora in avanti Wind dovrebbe svilupparsi serenamente, aumentando i risultati e mettendo a segno prima margini e poi profitti”.

I titoli telefonici sono tutti positivi.

Nel corso della mattinata è
transitato in tre passaggi l’1,94% del capitale Telecom Italia risparmio. La transazione, realizzata al valore unitario di €5,75, ha interessato 40 milioni di titoli per un controvalore complessivo di circa €228 milioni.

Oggi è apparsa un’intervista del presidente del gruppo, Marco Tronchetti Provera sul Wall Street Journal Europe.

In ribasso Autostrade. Oggi ha annunciato di aver vinto la gara per la realizzazione e gestione del sistema di telepedaggio
per automezzi di peso superiore a 3,5 tonnellate su 2.000
chilometri di rete stradale e autostradale austriaca.

Tra gli altri titoli, uno sguardo a Edison, penalizzata dal mercato dopo la presentazione del piano di fusione con Italenergia.

Il titolo è stato anche sospeso per eccesso di rialzo e tentato invano la riammissione una prima volta.

Ora è rientrato in gioco. La riammissione è avvenuta poco fa a €2,07.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours, clicca in MERCATI nella sezione PIAZZA AFFARI.