PIAZZA AFFARI NON BRINDA PER COLPA DI WALL STREET

21 Agosto 2002, di Redazione Wall Street Italia

Un’altra seduta dominta dalla volatilità per Piazza Affari che sul finale ha bruciato gran parte dei guadagni messi a segno fino a quel punto.

Il Mibtel ha chiuso in rialzo dello 0,74%.
Il Mib30 si è fermato a +0,83%.

Il midex ha chiuso a +0,72%.
Il Numtel si è fermato a +2,07%.

Dopo una partenza all’insegna dell’incertezza, sulla scia di quanto stava avvenendo in Europa e in Asia, il mercato ha decisamente preso la via dei rialzi. Anche il passaggio a metà giornata è stato particolarmente positivo con finanziari e TMT a guidare la corsa agli acquisti, con il mercato galvanizzato anche dall’avvio bruciante di Wall Street.

Nel pomeriggio, a un’ora dalla chiusura, sono però rientrati dalla finestra i timori sulla ripresa dell’economia, dopo il discorso poco confortante di Usa di Michael Moskow, presidente della Fed di Chicago, sulla crescita del Pil Usa .

Un peccato perché il passaggio delle Borse Usa in rosso ha rotto l’incantesimo e l’ottimismo generalizzato si è trasformato in lettera.

Gli acquisti stamani erano partiti dopo che alcune importanti società europee come Axa, Lufthansa e Deutsche Telekom hanno mandato segnali non allarmanti e in qualche caso confortanti sul futuro del loro business.

A Piazza Affari i settori migliori sono statii finanziari come bancari, assicurativi e risparmio gestito, sulla falsariga di quanto è avvenuto martedì, ma con benefici positivi che si sono estesi a tutti gli altri comparti.

Alla fine è stato impressionante il testacoda con recupero finale di Fineco che era in netto recupero rispetto a qualche giorno fa, così come San Paolo Imi e gli assicurativi come Generali e Alleanza.

Sull’ex Bipop Carire, ora Fineco, ci sono state forti ricoperture che però hanno lasciato il passo alle vendite nell’ultima ora per poi recuperare il territorio positivo nel finale con il titolo che ha oscillato dalla quota di €0,560 a €0,521 in meno di un’ora.

Ha invece resistito nella parte alta del Mib30 il titolo Capitalia cui hanno tenuto compagnia IntesaBci e Mediobanca.

Finale in calo, ma pur sempre positivo per Stmicroelectronics, che dopo un avvio stentato si era portato in territorio positivo, sostenuto da volumi interessanti, superando una resistenza dietro l’altra, nonostante il cattivo dato emerso dal rapporto book-to-bill dei semiconduttori, che calcola il rapporto tra i nuovi ordini e le vendite fatturate di infrastrutture per chip in un dato periodo.

Sul titolo oggi si sono espresse anche le banche d’affari .

La performance di Stm ha fatto bene anche alla controllante Finmeccanica.

Sotto la parità i telefonici, con Pirelli, Olivetti e le società operative all’inseguimento di importanti resistenze. Oggi il settore delle tlc è stato scosso dai rumor sul colosso Ericsson.

Tra i media ancora debole Mediaset, mentre Seat Pagine Gialle è riuscita a fare un buon guadagno. Il comparto editoriale nei giorni scorsi era stato toccato dai dati negativi dell’inglese Wpp.

In difficoltà Eni, a causa delle sue caratteristiche difensive e appesantita dal calo del prezzo del greggio dopo la fiammata di ieri.

Sul Midex è scambiatissima Alitalia, in ripresa dopo l’ottimismo profuso ai mercati dai vertici della compagnia aerea di bandiera. Sul settore ha pesato positivamente anche la semestrale presentata da
Lufthansa che ha battuto le attese degli analisti su utile e debito consolidato.

Sul Nuovo Mercato nel pomeriggio si è assistito a una raffica di sospensioni al rialzo, ma il mercato tiene sotto osservazione Freedomland, che attende le mosse della società milanese sull’Opa a €13 lanciata da Content, dopo che Interactive Group ha deciso di non prolungare l’Offerta pubblica di acquisto sull’Internet Tv a €12,60.

e.Planet, anche oggi è stata vivacissima nonostante l’assenza di notizie di rilievo e la smentita di rumor che interessavano una possibile fusione con Elitel.

Forte I.Net, che nella seduta di martedì non era riuscita a fare prezzo per eccesso di rialzo. Oggi il titolo è stato però oggetto di pochi scambi cosa che amplifica i movimenti del titolo oltremodo.

In giro per il listino troviamo Bayerische Vita da giorni sotto la lente degli investitori. Secondo indiscrezioni di stampa l’istituto assicurativo avrebbe allo studio una fusione con un’altra compagnia.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours clicca su Borsa Italiana.