PIAZZA AFFARI: NASDAQ TIRA SU TMT E NUMTEL

12 Luglio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari ha chiuso con gli indici piatti una giornata caratterizzata dall’ottimismo proveniente da Wall Street.

Il mercato italiano ha giovato dell’euforia che ha contagiato New York, dopo le previsioni di alcune società USA, come Yahoo! (YHOO – Nasdaq), Motorola (MOT – Nyse) e Microsoft (MSFT – Nasdaq), che ieri hanno presentato i dati sull’andamento del primo semestre e le previsioni per il secondo (Vedi Utili: per Motorola perdita di $0,35 per azione e Utili: Microsoft alza le stime su fatturato e Utili: per Yahoo perdita di $0,09 per azione).

Piazza Affari ha chiuso sostanzialmente piatta: il Mibtel ha perso lo 0,01%, il Mib30 ha guadagnato lo 0,01%, il Midex lo 0,01%. Ha chiuso bene il Numtel, a +1,97%.

In evidenza STMicroelectronics, (+5,01%) in forte rialzo come tutti i tecnologici europei.

La società italo-francese oggi ha presentato i risultati e ha chiuso in denaro nonostante il downgrade di Abn AMRO (Vedi Utili: STM, $176,3 mln nel primo semestre 2001 e anche Piazza Affari: STM subisce downgrade di Abn Amro).

Sono scesi i bancari, positivi telefonici e editoriali.

Sul Mib30 si è difesa BNL (-2,6%). Il titolo ha sofferto ieri perché era esposta con più linee di credito in Sud America, ma la situazione oggi non sembra così grave come si pensava (Vedi Piazza Affari: BNL recupera dopo il calo di ieri).

Con BNL ha perso quasi tutto il mercato bancario, con MPS a (-1,15%). Cede nel finale anche Mediolanum (-0,6%)e Rolo Banca (-3,02%).

Fa storia a sé il titolo Banca di Roma (-5,7%) che ha pagato con le vendite il progetto annunciato oggi dall’amministratore delegato di realizzare l’acquisizione di una banca commerciale nel Nord Italia. (Vedi Piazza Affari: Banca Roma scende su espansione).

Molto attivi i titoli legati all’Opa lanciata da Edf e da Fiat (-3,48%) su Montedison (+0,44%). Ha perso appeal e ha chiuso in rosso Hdp (-1,61%), che ha pagato la tregua armata firmata dagli azionisti del patto di sindacato (Vedi Piazza Affari: fuga da Hdp dopo rinnovo patto).

Hanno chuso bene anche i telefonici, forti delle buone notizie su Motorola da New York (Vedi Piazza Affari: tlc, è il momento del riscatto), con Olivetti (+1,35%), Telecom Italia (+2,16%) e TIM (+1,34%) a in crescita.

I risultati di Yahoo! hanno giovato agli editoriali, che ieri hanno sofferto l’incertezza sull’intero comparto. Hanno chiuso in rialzo Seat Pagine Gialle (+3,48%), Espresso (+3,08%) e Mediaset (+3,43%). Per gli operatori si tratta di rimbalzi tecnici dopo mesi di forti ribassi.

Sul Nuovo Mercato ha chiuso in denaro Biosearch Italia, che ha guadagnato il 18,18% a €21,28 (Vedi Piazza Affari: Biosearch sospesa al rialzo), dopo la decisione della Commissione Europea che ha riconosciuto l’esclusiva per dieci anni per la Ramoplanina, l’antibiotico sviluppato dalla società italiana.

Bene anche e.Planet (+4,38%) e Tiscali (+3,69%).

Ha tenuto Freedomland (+0,8% a €15,05) dopo la brusca frenata di ieri in seguito al sequestro del 65% del pacchetto azionario in mano al fondatore della società milanese, Virgilio Degiovanni.