Piazza Affari inizia l’ottava col piede giusto

27 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Semaforo verde in avvio per il listino milanese che, al pari della maggior parte delle altre borse del Vecchio Continente, trae beneficio dalla robusta performance di Wall Street di venerdì. Il dinamismo visto oltreoceano ha avuto effetti positivi su Tokyo e il resto dell’Asia, ponendo le basi per un clima di ottimismo anche in Europa. Scarsi gli spunti dal fronte macro europeo ad eccezione dei numeri sulla massa monetaria europea, mentre dagli States si attendono il CNFAI e e l’indice Fed Chicago Midwest. Sul valutario l’euro si presenta in lieve calo rispetto al biglietto verde dopo la fiammata di venerdì, quando ha sfiorato gli 1,35 dollari. Il cable eur/usd viaggia al momento a 1,3459 usd. Tra le commodities il petrolio scambia a 76,76 dollari al barile, mentre l’oro continua a correre in prossimità dei 1.300 dollari l’oncia, spinto dalle incertezze degli investitori e dalla debolezza del dollaro. Sulle prime battute il ftse All Share mostra un guadagno del 0,23% a 21.221 punti, il Ftse Mib dello 0,22% a 20.653 punti. Prevalenza di segni più sul paniere principale, che vede in pole position Azimut e Italcementi. Quest’ultima assimila oggi in positivo gli esiti dell’incontro con la comunità finanziaria di venerdì, dove si è delineato un gruppo ambizioso con l’obiettivo di tornare ai livelli di profittabilità pre-crisi. Bene anche Buzzi Unicem e ancora di più Cementir. Vivace STMicroelectronics che sovraperforma i tech europei. Rialzi frazionali per Fiat che ha smentito una possibile Ipo di Ferrari per finanziare l’acquisto del 51% di Chrysler. In luce Enel dopo che la controllata spagnola Endesa ha ceduto l’80% degli asset del gas a due fondi di Goldman Sachs. Banche positive come in Europa in attesa della massa monetaria in circolazione nell’area euro, vista in aumento dagli analisti. Sempre in luce Unicredit sempre più al centro del totonomine dopo la partenza di Alessandro Profumo.