PIAZZA AFFARI: IL MIB30 PASSA IN NEGATIVO

5 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Alle 10,30 ora italiana il Mib30 passa in territorio negativo. Perde lo 0,4%. Ancora con il segno più il Mibtel, che prende lo 0,3%, e il Midex, +0,37%.

Gran rialzo per Alitalia, +3,28% sulle voci di una possibile opa (offerta pubblica di acquisto) da parte della Klm che, si dice, rileverebbe dall’Iri una quota del 20% in Alitalia. Ma proprio questa mattina la Compagnia olandese ha smentito questa possibilità. Se ci sono contatti con Roma, ha fatto sapere, è solo per organizzare i necessari passaggi successivi alla rottura delle trattative.

Per Fiat aumento dell’1,96% a 28,12 euro (un euro vale 1936,27 lire) nel giorno della presentazione dei risultati trimestrali del Gruppo, che si preannunciano positivi.

Ancora sospesi i titoli Toro e Magneti Marelli per i quali si vocifera una vendita. Fonti finanziarie torinesi fanno tuttavia sapere che dietro le sospensioni non ci sono operazioni di ordine strategico.

Secondo le stesse fonti, si potrebbe trattare soltanto di operazioni industriali-finanziarie che non metterebbero in discussione il possesso azionario delle due società da parte della Fiat. Tanto per rimanere in famiglia, Rinascente ha messo il turbo e prende in questa fase il 5,6%.

Tra i bancari cresce Bipop Carire, +1,83% su ipotesi di un’alleanza in Germania. Al contrario, cede terreno Olivetti il cui 30% sarebbe ora in mano alla lussemburghese Bell. Il titolo della scuderia Colaninno, che secondo i rumor di Borsa sta per fondersi con Tecnost, cede il 2,33%. Tecnost perde lo 0,02%.

Ancora un buon passo per Tim, +0,65%, e per Seat, +1,18%. Telecom guadagna l’1,23%.

Sul Nuovo Mercato Tiscali perde lo 0,43%. E’ in buona compagnia, poichè tutti i titoli del comparto sono in perdita (la più ampia è di Opengate, -1,33%) tranne Poligrafica San Faustino, +0,82%; Prima Industrie, +0,70%; Gandalf, +0,15%.