PIAZZA AFFARI GALLEGGIA, IN MOLTI RIMBALZANO

31 Maggio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari galleggia all’ombra del segno più in attesa che apra Wall Street e che si abbiano indicazioni sull’andamento dell’indice PMI di Chicago, atteso per le 16:00, ora italiana.

“Come quasi sempre accade – dice il trader di una sala operativa – il mercato italiano va a ricasco di quello americano; contribuisce a un ritrovato ottimismo anche l’andamento dei future sui maggiori indici americani, che sono in rialzo”. Tra l’altro nei primi movimenti che precedono l’avvio delle contrattazioni a New York, i titoli tecnologici sembrano in ripresa, dopo lo scivolone di ieri
(Vedi Wall Street: i titoli attivi nel preborsa) e questo permette anche alle borse europee di lanciare qualche timido segnale in senso positivo, pur nella massima cautela (Vedi anche Borse UE caute a meta’ seduta, corre il Dax).

Il Mibtel cresce dello 0,18%, il Mib30 è a +0,16%, il Midex a +0,55%, il Numtel a +0,11%.

Uno dei titoli che più di altri sta sotto i riflettori è Olivetti (+1,25% a €2,18), che oggi rimbalza dopo la caduta di ieri. In mattinata è transitato ai blocchi lo 0,22% del capitale a €2,18 per azione. Il mercato segue con attenzione le notizie su un’inchiesta di Consob, Commissione di controllo per le società e la borsa, e della procura di Torino sulla gestione del gruppo nell’ultimo anno. Ieri è passato di mano il 3% del capitale. Oggi il numero uno del gruppo, Roberto Colaninno, ha detto che con i magistrati “verranno chiariti tutti i problemi”.

In leggero recupero TIM, che però rimane al di sotto dei €7 (+0,13% a €6,91), mentre cede Telecom Italia (-0,44% a €11,13), che si allontana dalla quota di €12,50, buona per far scattare l’operazione di conversione delle Telecom risparmio e il successivo buyback sul 10% del capitale. (Vedi Piazza Affari: cosa aspettarsi oggi)

Nel campo degli energetici perde terreno Eni (-0,29% a €7,68) nonostante la notizia che Plurigas, cui partecipa Snam, controllata da Eni, ha concluso un contratto per la fornitura di gas dall’Olanda. Ciò avrà una ricaduta per Snam di 1000 miliardi di lire annue.

Tra gli industriali cresce Pirelli (+2,02% a €3,54). Il titolo, secondo Dresdner Bank che ha portato il rating a “Buy”, cioè comprare, ha possibilità di crescita fino a €4,68.

In ripresa STMicroelectronics, che rimbalza dell’1,07% a €42,55, dopo la caduta verticale della vigilia. Il titolo potrebbe beneficiare della crescita di alcuni tecnologici nel preborsa di New York.

Tra i titoli che oggi rimbalzano c’è anche Espresso (+1,79% a €4,96). Banca Akros ha portato il rating da “Hold”, cioè tenere, a “Reduce”, cioè ridurre, con target sul prezzo a €4,4.

Sempre in campo editoriale, forte rialzo per Seat Pagine Gialle (+3,85% a €1,13) dopo la notizia del via libera del Consiglio di Stato all’acquisto di TMC.
(Vedi Piazza Affari: cosa aspettarsi oggi)

Montedison guadagna oggi l’1,24% a €2,86. Il titolo è al centro dell’attenzione dopo gli ultimi sviluppi. Edf, Zaleski e Deutsche Bank mettono insieme il 33% del capitale e se si alleassero costituirebbero una minoranza di blocco in grado di condizionare le gestione del gruppo.

Bipop Carire, e siamo nel settore bancario e del risparmio gestito, cresce del 2,98% a €4,52 sulla scia delle voci, delle smentite ma anche delle conferme che riguardano la controllata Azimut. Fondiaria ha ufficialmente confermato l’interesse a rilevare Azimut, mentre Ras ha smentito il suo.

Tra i titoli minori si mette in luce Rinascente (+3,58% a €5,58) sulle voci di opa residuale da parte di Eurofind (Auchan e Ifil), che controlla il 54% del capitale del gruppo. Il titolo comunque ha una bassa capitalizzazione, quindi ogni movimento ha delle forti ripercussioni sulle variazioni percentuali.

Una delle stelle del listino oggi è Risanamento Napoli (+18,94% a €2,72). Il titolo della società immobiliare è sotto i riflettori dopo l’acquisto per €100 milioni del 100% della britannica Global Switch.

Viaggi del Ventaglio recupera rispetto alla vigilia, giorno del suo debutto, mettendo a segno un rialzo del 3,62% a €4,21.

Sul Nuovo Mercato non aiuta particolarmente Tiscali (+0,04% a €14,12) la notizia che l’americana Lucent ha siglato con il gruppo italiano un accordo di cooperazione in base al quale Lucent fornirà a Tiscali la piattaforma tecnologica per la diffusione dei suoi servizi in voce e di accesso a Internet.

Prendono forza anche Cairo Communication (+1,74% a €35) e Txt e-solutions (+1,93% a €74,50) il cui titolo è sotto i riflettori dopo un accordo con Benetton. (Vedi Piazza Affari: upgrading e downgrading e Cairo, vittima del mercato)

Digital Bros è in rialzo del 2,79% a € 10,81 dopo la notizia che punta a una crescita del fatturato attorno al 40% nel 2001 sfruttando la ripresa del mercato dei videogiochi.

Tra i titoli in calo sul Nuovo Mercato, El.En lascia il 2,76% a €18,17 (Vedi El.En: gruppo in difficoltà, titolo rischioso).