PIAZZA AFFARI: FONDIARIA, +7%, VERSO LIVELLO OPA

13 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Le azioni di Fondiaria stanno guadagnando il 7% a €6,34, salendo verso il livello di €7,7 al quale dovrebbe essere offerta un’eventuale Opa da parte di Sai e Mediobanca.

Infatti, l’Opa secondo la legge dovrebbe avvenire ad un prezzo intorno ai €7,7 per azione, cioè la media aritmetica tra i €9,5 pagati da Sai e il valore di venerdì del titolo in borsa, €5,9.

Il rialzo relativemente modesto di Fondiaria oggi potrebbe indicare che il mercato non ha la certezza che Sai lancerà l’Opa, o per lo meno pensa che se avverrà non sarà ad un prezzo molto superiore al valore attuale delle azioni.

L’Opa è necessaria a seguito della decisione di Consob venerdì sera che Sai ha agito assieme a Mediobanca quando ha comprato il 28,7% di Fondiaria da Montedison, e quindi deve lanciare un’ Offerta pubblica di acquisto (OPA) sulla totalità delle azioni Fondiaria.
Mediobanca ha negato l’esistenza di un accordo con Sai.

Sai sperava di evitare l’Opa tenendosi sotto il tetto del 30%, oltre il quale, secondo la legge Draghi, scatta l’Opa obbligatoria. Ma siccome Mediobanca possiede il 13,8% di Fondiaria, e secondo Consob Sai e Mediobanca hanno agito d’accordo (”di concerto”), le due società controllano quasi il 43% di Fondiaria e devono quindi lanciare un’Opa sull’intera Fondiaria.

Non è certo, però, che l’Opa avra’ luogo, anche perché occorre ancora il via libera da parte dell’Isvap, l’ente di controllo del settore assicurativo.

Intanto Mediobanca cede l’ 1,1% a €12,91 e Sai il 4,4% a €15,09.

SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


Il caso Sai-Fondiaria