PIAZZA AFFARI FA IL BILANCIO DEL MESE DI MAGGIO

7 Giugno 2002, di Redazione Wall Street Italia

Alle prese con una giornata da dimenticare, il mercato guarda con timore avanti e si volge indietro per un bilancio.

A maggio il Mibtel ha accusato una variazione del 5,8% rispetto al mese di aprile (e –3,7% rispetto a fine 2001), chiudendo a 21.401 punti; oggi il Mibtel segna 20.692 punti, a testimonianza di un trend discendente molto netto.

Il mese scorso, secondo quanto informa una nota di Borsa SpA, l’andamento dei corsi ha ridotto la capitalizzazione delle società nazionali quotate dai €611,4 miliardi di fine aprile ai €575,7 miliardi, divisi tra Borsa, a quota €561,1 miliardi, Nuovo Mercato a €9,7 miliardi e Mercato Ristretto a €5 miliardi.

Il calo è stato accompagnato da una sostanziale stabilità, tendente al ribasso, del volume degli scambi.

Nel mese in questione si è avuta una media di 144.000 contratti e €2,68 miliardi al giorno.

Nel dettaglio, la media giornaliera è stata di 134.000 contratti e €2,64 miliardi per le azioni quotate in Borsa (-9,7% e -3,1% rispetto ad aprile), e di 10.000 contratti e €37,2 milioni per le azioni quotate al Nuovo Mercato (-9,3% e +5,7%).

Tim è stata l’azione più scambiata per controvalore, con l’11,4% degli scambi totali, seguita da Stmicroelectronics con l’11% degli scambi totali, e Eni, con il 9,5%.

Il Nuovo Mercato a maggio ha accentuato il profilo ribassista del Mibtel chiudendo maggio con un calo mensile dell’indice pari all’8,5%.

Migliore la situazione per il segmento Star: al 31 maggio il valore del suo indice MibStar è stato pari a 979 punti, -2,7% rispetto al mese precedente. La variazione è risultata comunque positiva, pari al 7,7% rispetto a fine 2001.