PIAZZA AFFARI: ENEL IN CONTROTENDENZA

16 Luglio 2001, di Redazione Wall Street Italia

La Borsa di Milano viaggia debole, ma c’è un titolo in controtendenza. E’ Enel (+1,92%), che trae beneficio dall’avvio corsa all’ UMTS (Universal mobile telecomunication system), la telefonia di terza generazione.

Enel, che controlla la società di telefonia mobile Wind sarà avvantaggiata nel creare la rete Umts perché potrà usare i suoi piloni elettrici.

L’altra notizia sul titolo è l’altolà della Corte dei Conti al collocamento della seconda tranche.

Secondo la Corte, il collocamento non può partire se non si vende Elettrogen, la prima delle tre cosiddette Genco (Generation company, le società di produzione di energia elettrica).

Enel, infatti, entro il 2003 deve vendere una quota pari al 25% della capacità installata (15.000 MW) attraverso la cessione di tre società di produzione elettrica. Secondo la Corte la cessione delle tre società va fatta prima del collocamento, perché farlo dopo potrebbe essere dannoso per i piccoli azionisti.

Tra qualche giorno partirà la base d’asta per la cessione di Elettrogen, che terminerà entro il primo agosto.