Società

PIAZZA AFFARI DEPRESSA A META’ SEDUTA

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Piazza Affari resta negativa a metà seduta, confermando la debolezza dell’apertura.

I mercati di tutta Europa del resto sono depressi, sulla scia della chiusura negativa di Wall Street, ieri, e di quella di Tokio, questa mattina.

Tra i comparti che soffrono di più ci sono i titoli tecnologici, e di contro salgono i difensivi come Enel, Saipem, Autostrade.

Il Mibtel segna -0,32%.

Il Mib30 -0,26%.

Il Midex -0,90%.

Il Numtel -1,18%.

L’argomento del giorno, vale a dire il caso Fondiaria (vedi anche lo speciale su questo argomento), non sta avendo particolare influenza sui titoli interessati, cioè Sai (in calo) e Fondiaria (in rialzo), fatta eccezione per Fiat.

Fiat sta perdendo quota, comunque, anche per motivi slegati dalla vicenda.

Contrastato il mondo del risparmio gestito, in attesa dei dati che questa sera Assogestioni renderà noti sulla raccolta dei fondi.

Nel settore assicurativo, perde quota Generali sulle voci, sia pure già smentite, di una prossima ricapitalizzazione.

Dopo una mattinata passata sostanzialmente in rialzo, nel capitolo media ed editoriali, ora ripega HDP, interessata dalle voci sulle prossime cessioni nel tessile e nella moda.

Unico segno positivo nel settore, sul Mib30, è per Seat Pagine Gialle, mentre Mediaset è in flessione.

Il comparto soffre sostanzialmente per le prospettive ancora incerte sul fronte della raccolta pubblicitaria, e in questo senso va segnalata la crescita di Tiscali, sul Nuovo Mercato, dopo le dichiarazioni rassicuranti del numero uno, Renato Soru.

ENI è in ribasso sulla scia del prezzo del petrolio, che è cedente, mentre cresce bene Saipem dopo la notizia di nuovi accordi.

Tra gli altri titoli, segna prese di beneficio Campari. Il titolo è interessato da voci su un nuovo assetto azionario.