Piazza Affari: continua la valanga di trimestrali

12 Maggio 2011, di Redazione Wall Street Italia

Milano – Apertura negativa per le borse europee in scia alla chiusura in lettera di ieri di Wall Street (Dow Jones -1,02%, S&P500 -1,11% e Nasdaq100 -0,76%) e stamane delle principali piazze asiatiche (Nikkei -1,50% mentre Hong Hong cede al momento oltre un punto percentuale), a riflesso dei forti ribassi sulle materie prime che deprimono il settore dei minerari.

Cisco Systems ieri sera e Allianz stamane hanno rilasciato delle trimestrali con utili in netto calo; oltre le attese invece la trimestrale di Repsol.

L’agenda societaria prevede oggi tra gli altri i CdA sulle trimestrali di A2A, Acegas-Aps, Aedes, Azimut, Montepaschi, Pop.Milano, Pop.Sondrio, Banca Profilo, Banco Desio, Benetton, Brembo, Class Editori, Credito Bergamasco, Campari, Enel, Exor, Gemina, Geox, Hera, Mediolanum, Parmalat, Prysmian, Rcs, Risanamento, Saras, Stefanel, Tiscali, Tod’s e Unipol, e all’estero i risultati di Acciona, Aegon, Conergy, Natixis, Nvidia, Siemens, Tui AG e Vivendi.

EVENTI SOCIETARI

ENEL GREEN POWER (EUR1,951): oltre ai risultati del 1Q, ieri ha annunciato anche il piano industriale al 2015: EUR6,4 mld gli investimenti previsti nel quinquennio (con un incremento di EUR1,2 mld rispetto al precedente piano) che la società intende finanziare in buona parte con il cash-flow.

IMPREGILO (EUR2,30): archivia il primo trimestre con un utile netto di pertinenza di EUR16 mln dai EUR40 mln dello stesso periodo 2010, che però aveva beneficiato di plusvalenze, a fronte di ricavi totali che ammontano complessivamente a EUR473,6 mln (da EUR473 mln).

ITALCEMENTI (EUR): gli analisti di BofA-ML hanno inserito il titolo nella least preferred list.

MACRO, CAMBI E COMMODITIES

Il ministro giapponese dell’Economia Yosano ha dichiarato che il negativo impatto del sisma di marzo sulla produzione industriale è inferiore a quanto inizialmente stimato perché le catene produttive stanno recuperando prima del previsto.

Sempre in Giappone, le partite correnti di marzo hanno mostrato un bilancio a +JPY1.679,1 mld, a fronte di un’attesa di JPY1.754,0 mld.

A Francoforte il Fondo monetario internazionale presenta “IMF Regional Economic Outlook for Europe”.

Numerosi i dati macro attesi in giornata, tra cui quelli sulla produzione industriale di marzo nel Regno Unito (attese +0,8%) e l’aggregato di Eurozona (+0,3%), e negli Stati Uniti i prezzi alla produzione (+0,6%), le consuete richeste settimanali di sussidi alla disoccupazione (430.000), le vendite al dettaglio di aprile (+0,6%) e le scorte alle imprese di marzo (+0,8%).

Atteso anche il dato sull’inflazione di aprile di Francia e Spagna.

Il cambio Eur/Usd quota 1,42 mentre il petrolio Wti è scambia a USD98 al barile. Positiva stamane l’apertura sull’obbligazionario EU, con il future sul Bund tedesco a 124,20 (+0,20%).

Copyright © UNICREDIT per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da UniCredit Bank AG. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito il disclaimer ufficiale di WSI.