PIAZZA AFFARI: CHIUSURA IN RIALZO, MIBTEL A +0,71%

9 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

La scuderia di Roberto Colaninno è stata la padrona della seduta con le Olivetti che mettono a segno un guadagno del 4,94%, ma con oltre 168 milioni di pezzi trattati. Meglio ancora le Olivetti Privilegiate (+5,74%). Bene anche le Tecnost (+5,05%) e le Seat Pg a +5,05%. Le Tim si fermano a +0,54% (il titolo è stato comunque molto trattato) e le Telecom a +0,77%.

Tra gli altri titoli del Mib 30 (fermatosi a +0,69% a 47.102 punti) sono state comprate le Ras salite alla fine del 6,36% dopo essere state sugli scudi per tutta la seduta. In rialzo anche le Alleanza a +1,58%, e le Mediolanum a +1,35%.

Tra i bancari denaro sulle Banco di Roma (+1,86%) e le Fideuram (+1,03%).

Sono andati giù i petroliferi con le Erg a -2,69% e le Eni a -0,87%, dopo la decisione dell’Antitrust di multare le compagnie per aver creato un cartello sui prezzi dei carburanti.

Vanno giù le Fiat (-0,81%), ma la famiglia Agnelli può consolarsi con il rialzo delle Rinascente (+1,99%).

Ottime anche oggi le Beni Stabili (+7,4%), sempre al centro di voci che la danno nel mirino di una possibile scalata.

In rosso il settore editoriale: Mediaset -0,8%, L’Espresso -1,8%, Class -1,62%. In nero invece le Mondadori +1,4%.

Le aziende tecnologiche sono state ignorate, con gli investitori che hanno fatto selezione sugli acquisti. Da notare il calo delle I.Net a -2,18%, mentre chiudono positive frazionali le Tas (+0,45%), le Cdb (+0,25%) e le Opengate (+0,15%).