PIAZZA AFFARI CHIUDE SUI MAX DELLA GIORNATA

17 Giugno 2002, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari ha chiuso la prima seduta della settimana con un super rimbalzo che ha portato il mercato ad annullare le pesanti perdite della vigilia.

Il tono rialzista si era intuito già dall’avvio, consolidato poi dal passaggio di metà seduta e infine ampliato con la partenza in denaro di Wall Street .

Il Mibtel ha chiuso a 20.988 punti (+3,14%);
Il Mib30 a 28.648 punti (+3,80%);
Il Midex a 26.427 (+1,31%) ;
Il Numtel a 1.674 (+2,57%);

La spinta rialzista ha interessato tutti i comparti e puo’ essere letta come movimento più che altro tecnico: “Sono ricoperture che seguono le vendite massicce della scorsa settimana – commenta un operatore che chiede l’anonimato per politica aziendale – ma di nuovo non c’è niente e diventa quasi imbarazzante parlare di un mercato vuoto”.

“Il fatto – prosegue il trader – è che il sentiment generale resta lo stesso e azzardare qualcosa può essere rischioso anche perché domani potrebbe essere tutto diverso”.

Gli acquisti sul mercato sono stati generalizzati e importanti.

Il Mib30 ha messo in luce Stmicroelectronics, che ha portato avanti un discorso iniziato venerdì scorso quando il titolo era riuscito a recuperare nel finale in un clima di pesante debacle.

IN denaro anche la controllante Finmeccanica, grazie alla promozione odierna da parte di Merril Lynch .

Buon passo perle banche, e soddisfazioni per il risparmio gestito, che ha recuperato dal fondo dove era caduto la scorsa settimana.

Alcuni titoli, come Fideuram o Mediolanum, hanno fatto dimenticare le penalizzazioni dei giorni scorsi con rialzi superiori ai quattro-cinque punti percentuali.

In crescita i telefonici come nel resto d’Europa. In rialzo non solo le società operative ma anche la casa madre Pirelli.

In casa Bicocca l’attenzione è stata concentrata sulla controllata Pirelli Real Estate, di cui oggi è partita l’offerta pubblica (vedi anche articolo).

Sul Mib30 Mediaset si è lanciata verso i guadagni poco dopo gli altri. Il titolo del Biscione ha infatti accusato leggermente le ipotesi che la società sia interessata ad alcune attività del gruppo tedesco KirchMedia che sono stimate da Commerzbank tra €1,8 e €2,5 miliardi.

Ottima la seduta degli energetici che hanno corso anche nel resto d’Europa. In Italia ha ben figurato Eni che ha smentito un offerta per il 25% di Ina, società statale croata.
Fin dall’avvio il titolo Fiat si è distinto per la sua spinta propulsiva, seguita all’accordo per la cessione di una quota di Italenergia. Sul finale però il titolo è venuto giuù a candela fermandosi sui livelli della vigilia

Sul Midex si è messa in luce Popolare Commercio Industria, con oltre quattro punti percentuali. Il mercato comincia a guardare con sempre maggiore interesse al settore delle banche popolari, in attesa che partano le grandi manovre per aggregazioni anche in questo settore.

Sul Nuovo Mercato si sono mosse bene Tiscali, Tecnodiffusione e soprattutto Bb Biotech.

Più modesto il rialzo di Opengate.

Per le quotazioni in tempo reale clicca su Piazza Affari