Piazza Affari chiude sui massimi di seduta

8 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – La giornata per Piazza Affari era iniziata stamane senza speranze, dopo le chiusure in ribasso di Wall Street e dei mercati asiatici. Ma a metà riunione il trend si è decisamente invertito e così gli acquisti hanno prevalso sulle vendite. Il merito è stato assegnato all’esito migliore del previsto dell’asta di titoli di Stato in Portogallo, che ha fatto dimenticare la brutta giornata di ieri, in scia alle rinnovate preoccupazioni sullo stato di salute delle banche europee. Un ulteriore spinta all’insù per i mercati è stata innescata, poi, dall’avvio in rialzo di Wall Street, con l’attenzione degli investitori rivolta al Beige Book della Federal Reserve (atteso alle 20:00 italiane) e all’intervento del Presidente degli Stati Uniti, Barak Obama, sull’economia. Tra gli indici milanesi, il Ftse All Share chiude con un incremento dello 0,89% 21.132,94 punti mentre il Ftse Mib porta a casa un guadagno dello 0,91% a 20.580,26 punti. Sugli altri mercati, l’euro consolida il vantaggio nei confronti del biglietto verde scambiando oltre 1,27 dollari. Sostenuto anche il petrolio con le quotazioni a 74,5 dollari al barile. Domina il denaro nel principale paniere. Banche positive guidate da Mps, Intesa Sanpaolo e Unicredit. Nel pomeriggio ha preso il via il comitato governance di Piazza Cordusio, chiamato ad affrontare la questione della salita dei soci libici nel capitale dell’istituto. Nel cemento tonica Italcementi grazie all’upgrade di Nomura. Sul lato opposto c’è Buzzi, su cui lo stesso broker ha deciso per un taglio del giudizio. Salde le costruzioni con Impregilo. Bene Lottomatica la cui controllata Gtech ha firmato un contratto decennale con Pan Malaysia Pools per la fornitura di un nuovo sistema centrale per lotterie; dei terminali e dei servizi di assistenza continuativa. Tra i pochi ribassi, si colloca in coda Stm dopo che Ubs ne ha tagliato il target price. Più in generale, il broker ha abbassato il giudizio del settore semiconduttori in Europa. Sul completo, denaro su Eurotech che ha annunciato una collaborazione strategica con Wind River per accelerare lo sviluppo di applicazioni embedded. Forte Dada che ha replicato il rally della vigilia, dopo che Rcs ha dato mandato esplorativo a un operatore finanziario per definire le attività non strategiche e valutare possibili opzioni di valorizzazione che potrebbero interessarla. Effervescente Fastweb dopo che la controllante Swisscom ha annunciato che lancerà un’offerta sulle azioni che ancora non possiede, per poi cancellarla dal listino. Tra le altre tlc, si è distinta oggi anche Tiscali seguendo la scia rialzista di Fastweb.