PIAZZA AFFARI CHIUDE CON UN PICCOLO GUADAGNO

9 Novembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Seduta interlocutoria per la Borsa di Milano colpita dalle incertezze sulle presidenziali americane e dalla debolezza del Nasdaq. Gli investori si sono cosi’ riversati sui titoli finanziari e su quelli energetici, considerati da sempre come buon rifugio nei momenti difficili.

Il Mibtel e’ stato comunque il migliore in Europa grazie alla chiusura fissata a 33.206 punti (+0,14%). In rialzo anche il Mib30 (+0,14% a 48.393 punti). Praticamente invariato il Fib30 (+0,01% a 48.675 punti), mentre il Nuovo Mercato ha ceduto oltre 2 punti percentuali.

”Considerata l’incertezza generale, possiamo sicuramente dire che l’Italia ha tenuto bene – commenta a Wallstreetitalia Diego Mihalich, trader della Gestnord Sim – Gli investitori continuano a premiare i titoli difensivi, mentre cedono i tecnologici e i telefonici come conseguenza delle preoccupazioni sul Nasdaq americano”.

”Tra i titoli che si sono mossi bene – prosegue il trader – ancora gli assicurativi e gli energetici come Enel (+2,59% a 4,43 euro) e Compart (+7,37% a 2,169 euro). Le azioni Mediobanca (+2,79% a 14,31 euro) hanno raggiunto nuovi record su movimenti speculativi. Credo, infatti, che difficilmente si possa destabilizzare la catena di controllo del colosso di Piazzetta Cuccia”.

”Da notare sicuramente Ras (-0,06% a 16,12 euro), – aggiunge Mihalich – che ha superato il 100% di progresso dal mese di marzo”.

Oggi sono usciti i risultati di Tim (-0,96% a 9,748 euro): ”Sono dati importanti e il titolo in un primo momento ha reagito bene. Non ci sono incertezze sui fondamentali della societa’ ma, come per le altre aziende del settore, alcuni sollevano dubbi sul prezzo”.

Gli altri titoli della scuderia Colaninno vedono Telecom a -0,21% (13,69 euro), Tecnost -0,45% (3,95 euro), e Olivetti a -0,8% (3,56 euro).

Tra gli editoriali spicca il ribasso di Seat Pg a -3,94% (3,38 euro).

Il debutto di Novuspharma e’ stato tutto sommato positivo visto che la societa’ biotech ha chiuso a -0,13% (79,9 euro).

Al Nuovo Mercato solo segni rossi. In ribasso anche Tiscali (-3,89% a 35,06 euro) e E.Biscom (-2,46% a 142,5 euro).