PIAZZA AFFARI: CEDONO BANCHE, OCCHI SU CIRIO

15 Novembre 2002, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari a metà seduta si fa trovare in negativo dopo che fin dall’inizio della giornata e anche nelle ore successive era stata capace di mantenere un buon passo. In questo momento solo il Midex regge al di sopra della parità.

D’altra parte anche nel resto d’Europa gli indici stanno arretrando rispetto all’apertura; solo Londra si mantiene sostanzialmente sugli stessi livelli.

Dagli Usa, che ieri hanno visto a Wall Street una chiusura rialzista, i future sono positivi ma in fase di rallentamento.

In questo momento ha la meglio l’attesa per i dati americani del pomeriggio, primo fra tutti l’indice Michigan.

Sul Mib30 la perdita maggiore è di Antonveneta: è in corso una conference call durante la quale è stato annunciato un aumento di capitale. Il titolo lascia sul terreno quasi quattro punti percentuali.

Ma in generale tutti i bancari sono in negativo: da Bnl a Capitalia, da Unicredito a San Paolo Imi e IntesaBci.

Male anche Fineco, sebbene gli altri titoli del risparmio gestito stiano resistendo in positivo.

Anche Fiat non se la passa bene, nel giorno dello sciopero dei dipendenti di Termini Imerese, che hanno bloccato lo Stretto di Messina. Va detto che sta giocando sfavorevolmente il dato sulle immatricolazioni di nuove auto in Europa: Fiat è scesa di oltre 16 punti percentuali.

Tra i titoli positivi ci sono gli assicurativi, con Alleanza, Generali e, sul Midex, Fondiaria. In calo invece Ras, su cui giovano prese di beneficio dopo il rialzo della vigilia.

Il titolo Stmicroelectronics segna un rialzo di quasi un punto e mezzo percentuale, ma la sua crescita ha subito un rallentamento rispetto alla prima parte della mattinata.

E’ comunque in buona compagnia con Mediaset, Enel e le controllate di Eni, che invece perde terreno: sono infatti positive Italgas, Snam Rete Gas e Saipem.

Tra i telefonici, il cui comparto in Europa è piuttosto vivace, crescono solamente Tim e Olivetti.

Sul Midex, rally di Bulgari, che guadagna quasi sette punti percentuali dopo la presentazione di risultati superiori alle attese. La corsa del titolo del lusso è però solitaria: Tod’s infatti cede quasi quattro punti percentuali.

Anche sul Numtel abbiamo una maggioranza di titoli negativi. Perde terreno anche Tiscali.

Tra gli altri titoli, grande attenzione su Cirio: riammesso dopo sette giorni di sospensione, oggi ricomincia con una lunghissima fase di pre-negoziazione. L’atmosfera che aleggia sul titolo è tuttavia molto pesante.

Al contrario, il titolo della controllata Lazio è alle stelle.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours clicca su Borsa Italiana