PIAZZA AFFARI: BULGARI ZAVORRA IL LUSSO

28 Gennaio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Il settore del lusso a Piazza Affari è zavorrato da Bukgari, che sul Mib30 lascia l’1,92% a €8,58.

Viaggiano invece in positivo titoli come Luxottica (+0,42% a €19,6 e Tod’s, +0,88% a €45,60.

Bulgari soffre per le anticipazioni del bilancio 2001 e le previsioni per il 2002 pubblicati dal quotidiano Il Sole 24 Ore.

I numeri sono apparsi al di sotto delle aspettative.

Nel 2001 la maison romana dovrebbe aver messo a segno un fatturato di €770 milioni, un utile operativo di €90 milioni e un utile netto di €70 milioni, inferiore del 10% rispetto alle stime di alcuni analisti.

I dati ufficiali verranno resi noti domani.

Gli analisti di WebSim notano comunque che le cifre anticipate implicano un rapido deterioramento del quarto trimestre 2001 con vendite nette in calo del 4% e con un utile netto in flessione del 66% rispetto all’anno precente.

Il problema, aggiungono gli analisti, è che nemmeno le proiezioni per il 2002 danno segnali incoraggianti: Bulgari prevede un fatturato in crescita del 10% a €850 milioni, un risultato operativo di €110 milioni e un utile netto di €85 milioni, di circa il 15% più basso rispetto alle stime di Websim.

Il primo semestre dell’anno in corso sarà ancora difficile, mentre l’estate dovrebbe portare qualcosa di meglio.

Tuttavia l’incremento dell’utile 2002, rispetto a quello dell’anno precedente, sarà raggiunto soprattutto grazie al taglio dei costi e degli investimenti pubblicitari che scenderanno dal 13,5% al 10% del fatturato.

Oggi Credit Lyonnaise ha ridotto il rating su Bulgari portandolo a “Reduce”, cioè riduci, dal precedente “Add”, cioè aggiungi. Il target price è di €8.

Goldman Sachs ha confermato il rating “Market perform”, cioè farà come il mercato, ma ha ridotto le stime di utile per azione a 28 centesimi dai precedenti 30 centesimi.