Piazza Affari, attesa da “stress test”

23 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Avvio senza grandi scossoni a Piazza Affari così come nel resto d’Europa, in un clima attendista per la pubblicazione degli stress test sulle banche europee. Gli investitori infatti restano in attesa, dopo il rally precedente, guidato anche da Wall Street. I listini azionari statunitensi ieri hanno beneficiato delle indicazioni giunte dalle trimestrali americane, che hanno attenuato i timori per la ripresa. Sulla scia positiva di Wall Street ha brillato anche Tokyo stamane. Sul mercato valutario, euro poco mosso nei confronti del biglietto verde con il cross eur/usd che viaggia a 1,28 dollari attorno ai livelli di chiusura della vigilia. Sulla divisa di Eurolandia arrivano anche prese di profitto dopo che si è riaffacciata sopra quota 1,30 dollari in settimana. L’agenda macroeconomica di oggi prevede la diffusione dell’indice Ifo di luglio, importante barometro dell’industria tedesca. Nessun dato in arrivo dagli Stati Uniti. Sulle prime rilevazioni, il FTSE IT All-Share segna un ribasso dello 0,49% mentre il FTSE MIB perde lo 0,53% a 20.637,08 punti. Debole anche il FTSE Mid Cap che lima lo 0,14% a 23.077,66 un guadagno dell’1,66% a 23.083 punti ed il FTSE STAR con un decremento dello 0,20% a 10.632,34 punti. Sotto pressione Stm nonostante abbia annunciato una semestrale con un ritorno all’utile e ricavi in salita. Il Presidente e CEO Carlo Bozotti, ha dichiarato “I risultati conseguiti dimostrano che siamo in linea con il modello finanziario messo a punto per questa fase di transizione e che siamo ben posizionati per raggiungere i nostri obiettivi finanziari, come testimonia il margine operativo rettificato del 7,7% registrato dalla ST nel secondo trimestre”. Prese di profitto su Fiat dopo il recente balzo sui conti e la decisione del Lingotto di portare la produzione di alcuni modelli in Serbia. Banche in tensione in vista della pubblicazione degli stress test. Spenti i petroliferi dopo la fiammata di ieri. Frazionale il calo di Eni in linea con l’intero settore oil a livello europeo. Si muove controcorrente Edison nel giorno della semestrale. Sul completo, spunti positivi su Risanamento in controtrend al mercato, che presenterà una richiesta di riesame del provvedimento di sequestro preventivo dell’area di Santa Giulia per poter conoscere e valutare gli atti processuali. Bene anche Sogefi che ha annunciato ieri un ritorno all’utie nel primo semestre.