Piazza Affari attende Wall Street in rosso

10 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Piazza Affari continua la seduta sotto la linea di parità, rimanendo dalla parte delle vendite da cui era partita stamattina. Il clima rimane incerto anche in Europa, dove i listini continentali si muovono intorno alla linea di parità, in attesa dell’avvio delle contrattazioni a Wall Street. Sul mercato valutario, l’euro avanza nei confronti del biglietto verde, scambiando a 1,2723 USD. La moneta unica supera anche lo yen che si è indebolito anche nei confronti del dollaro dopo la revisione al rialzo del Pil giapponese del 2° trimestre. La Bank of Japan dal canto suo, ha previsto una ripresa moderata dell’economia globale. Secondo l’Istituto Centrale giapponese , l’economia con statunitense si sta ripprendendo a passo moderato. Lo hanno annunciato le Minutes dell’ultimo incontro di politica monetaria della Bank of Japan del 9-10 agosto, che ripete in sostanza quello che due giorni fa aveva anticipato il Beige Book della FED. Ricca l’agenda macro, che ha registrato una crescita della produzione industriale di luglio in Francia, lo stesso dato ha registrato una salita anche in Italia. Sorprende in positivo anche il PIL tricolore del secondo trimestre, che cresce oltre le attese. Nel pomeriggio, d’oltreoceano, saranno svalate le statistiche sulle scorte e vendite industria. Tra gli indici milanesi, il Ftse All Share scivola dello 0,26% mentre il Ftse Mib perde lo 0,28%. Rosso fisso nel principale paniere, con le banche in retromarcia. La peggiore è il Banco Popolare seguito a breve distanza da Unicredit e Ubi Banca. Le vendite si abbattono, anche se in maniera meno copiosa, su Intesa San Paolo e MPS. Le banche italiane seguono il destino del comparto bancario europeo, affossato dalla debacle di Deutsche Bank su alcune indiscrezioni che la vedrebbero intenta a valutare un aumento di capitale da 9 miliardi di euro in vista di Basilea. Al palo i telefonici, Telecom lima la parità. L’azienda di telecomunicazioni si è aggiudicata la gara internazionale per la realizzazione del piano tecnologico 2011-2015 della rete mobile di Telkomsel, il principale operatore mobile indonesiano e settimo al mondo con circa 90 milioni di clienti. Rimane ai blocchi di partenza anche Fastweb. Swisscom ha deciso di proporre Guido Garrone per elezione nel CdA dell’azienda telefonica. Corre sull’autostrada del FTSE Mib Atlantia Il titolo della società attiva nella gestione i di tratte autostradali, è uno dei migliori del principale listino insieme a Geox e Fiat che riacciuffa i 10 euro per aione. Ieri Atlantia ha annunciato di aver lanciato un bond in due tranche per 1,5 mld. Nel dettaglio, la società della famiglia Benetton che ha lanciato, ieri, un prestito obbligazionario articolato in due tranche, una da 1.000 milioni di euro della durata di 7 anni e una da 500 milioni di euro della durata di 15 anni, ha collocato il bond con un certo successo presso gli investitori istituzionali, con ordini che hanno superato i 4,5 miliardi di euro. Sul completo, gioca in attacco la A.S. Roma Il titolo della società sportiva fa un balzo di oltre quattro punti percentuali. L’attenzione è ancora alta sul club giallorosso in attesa della cesione della società sportiva.