PIAZZA AFFARI ASPETTA LA FED CON UN RIALZO

13 Agosto 2002, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari ha chiuso in deciso rialzo una seduta ferragostana che ha visto i volumi crescere solo nell’ultima parte della seduta, quando i mercati hanno girato dietro al rialzo del Nasdaq.

Gli indici hanno recuperato terreno grazie soprattutto alla buona performance del Philadelphia Semiconductor Index (SOX), l’indice rappresentativo dei semiconduttori.

Gli investitori rimangono però in attesa della decisione sui tassi di interesse della Federal Reserve, la banca centrale statunitense, che sarà comunicata alle 20:15 (le 14:15 ora di New York). Le probabilità di un taglio sembrano tuttavia ridursi.

Un sondaggio del canale televisivo CNBC ha rivelato che l’80% delle persone intervistate ritiene che la Fed lascerà i tassi al livello attuale, il 14% scommette su un taglio di 25 punti base e solo il 6% ritiene che la riduzione potrebbe essere di 50 punti base. Ma l’effetto sorpresa è sempre dietro l’angolo.

Il Mibtel ha chiuso a +1,07% a 18.761 punti.
Il Mib30 si è fermato a +1,38% a 25.561 punti.
Il Midex ha chiuso a –0,33% a 23.344 punti.
Il Numtel si è fermato a +2,24% a 1.416 punti.

Piazza Affari ha così chiuso lontana dall’apertura che comunque era stata positiva e ancor di più dalle quote di metà giornata .

Tra i settori in denaro sin dalla partenza ci sono gli energetici , guidati da Eni. Tutte le controllate del cane a sei zampe stanno sfruttando il momento difensivo che ha assunto il mercato, ma sulla scia anche della crescita del prezzo del greggio sulle ipotesi di un’imminente attacco all’Iraq.

Buono l’andamento dei telefonici, che in mattinata avevano sofferto (Tim in particolare) le dichiarazioni del ministro delle Comunicazioni, Maurizio Gasparri, in merito al lancio dell’Umts (la telefonia di terza generazione).

Ma più delle società operative ha fatto Pirelli su cui corre ancora la speculazione in attesa dell’accorciamento della catena.

I media hanno sofferto in mattinata, con Mediaset ancora fanalino di coda. Il titolo del Biscione ha chiuso poi vicino alle quote della vigilia.

In denaro anche i tecnologici. Il titolo principe del settore, Stmicroelectronics, viene scambiato in area €20. Il titolo stamani ha sofferto per le cattive notizie arrivate dalla Germania. Sulla ripresa del settore, però, sono ancora in molti a scommettere. Dal punto di vista tecnico, invece, il titolo (ancora ben sopra i minimi dello scorso 21 settembre) sarebbe pronto a un mini rally.

In mattinata, i finanziari hanno performato in rosso, con Bnl, IntesaBci e soprattutto Fideuram ancora oggetto di pesanti vendite. Alla fine, invece, il risparmio gestito è stato proprio tra i migliori con il forte recupero di Fideuram e l’allungo di Mediolanum e Fineco.

Tra gli assicurativi, Generali ha sofferto i dati riportati da una controllata tedesca.

Denaro per Fiat, in attesa che arrivi il via libero della Consob (l’organo di vigilanza sulle società quotate) all’operazione Italenergia. Il titolo oggi è cresciuto anche dietro alle indiscrezioni riportate dall’Espresso su un piano che modificherebbe alle radici l’azienda del Lingotto.

Sul Midex ha tenuto banco ancora la delicata questione dei concambi tra Sai e Fondiaria. Sull’indice dei titoli a media capitalizzazione c’è da registrare il calo netto di Alitalia. Oggi l’Istat ha presentato i dati sulla mobilità del popolo italiano dopo i fatti dell’11 settembre.

Sul Nuovo Mercato ha continuato a brillare la stella di Finmatica. La società di Pierluigi Crudele, nelle ultime settimane, è cresciuta del 40%.

Denaro anche per Tecnodiffusione, E.Biscom e Tiscali.

Poco mossa, invece, Freedomland, nonostante le importanti novità registrate nella serata di lunedì sul futuro assetto societario.

Nei prossimi giorni il Tribunale deciderà se accogliere la richiesta di sequestro delle azioni in mano al fondatore della Internet-tv, Virgilio Degiovanni, presentate da un gruppo di azionisti

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours clicca su Borsa Italiana