PIAZZA AFFARI ASPETTA BCE E WALL STREET. BENE PRYSMIAN, GIU’ TELECOM

4 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari tenta il recupero a metà giornata, in attesa della decisione sui tassi che sarà comunicata dalla Banca centrale europea e dell’avvio di Wall Street. Il Ftse Mib alle 12.30 ore italiane mette a segno un rialzo dello 0,37%.

Sotto i riflettori il titolo Prysmian a Piazza Affari dopo la comunicazione di ieri sera dei risultati 2009. L’amministratore delegato Valerio Battista ha commentato i conti affermano che “siamo particolarmente soddisfatti di aver raggiunto gli obiettivi reddituali che ci eravamo posti a inizio anno, nonostante la persistente debolezza del mercato”. Sulla borsa milanese le azioni Prysmian stanno registrando un vantaggio del 2,38%.

Acquisti anche su Lottomatica si è posto sin da subito in prima fila all’interno del paniere Ftse Mib, dopo la comunicazione di ieri dei risultati 2009 a mercati chiusi. Il gruppo attivo nel settore dei giochi e delle scommesse ha registrato nel 2009 ricavi consolidati pari a 2,18 miliardi di euro, in rialzo del 5,7% rispetto all’anno precedente mentre l’utile netto è scivolato del 27,3% a 68,1 milioni. Le quotazioni guadagnano a metà seduta l’1,31%.

Male invece Telecom Italia (-1,49%), dopo che la banca d’affari Cheuvreux ha tagliato il giudizio. La raccomandazione passa a sell dal precedente underperform, con target price a 0,85 da 0,90 euro.

La compagnia telefonica italiana è al centro dell’attenzione in questi ultimi tempi per l’indagine sul riciclaggio effettuata dalla Procura di Roma e per le ipotesi sullo scorporo della rete. A tal proposito, in una lettera inviata a manager e dipendenti dell’azienda, l’amministratore delegato di Telecom Italia Franco Bernabè ha commentato la vicenda che ha visto la controllata coinvolta nell’inchiesta sul maxi-riciclaggio, dicendosi “profondamento turbato” dalla vicenda Sparkle. Bernanè ha però assicurato che il gruppo è “solido e serio”.

Tra gli altri titoli, giù oggi anche Fondiaria-Sai (-1,42%).

Si segnala infine Cell Therapeutics, che è stata rinviata a Piazza Affari, con un incremento teorico positivo del 12,51%. La società biotech ha comunicato oggi di aver ricevuto una dichiarazione dal Gynecologic Oncology Group (Gog) nel quale di attesta che lo studio clinico GOG-212 di fase III sull’Opaxio di CTI, usato quale terapia di manutenzione del cancro all’ovaio, abbia alta priorità ed il reclutamento debba continuare.