PIAZZA AFFARI APRE POSITIVA NEL SEGNO DI BUSH

13 Dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari prova a rimbalzare sul verdetto della Corte Suprema USA che ha consegnato a George W. Bush la Casa Bianca e messo Al Gore a tappeto. Già le Borse europee hanno reagito bene, mentre a Milano i presupposti sono positivi, con il Fib30 che ha aperto in crescita di 264 punti (+0,49%) a quota 46.100, il Mibtel a 31.575 (+0,02%), il Mib30 a 45.907 (+0,08%) e il Midex a 35.240 (+0,21).

Gli operatori sono divisi: c’è chi considera la soluzione della vicenda presidenziale USA come il superamento dell’ultimo ostacolo prima di un recupero, e magari di un rally; ma c’è anche chi non si sbilancia e aspetta di verificare sul campo le azioni del nuovo presidente, e di avere conferme sul fronte della crescita economica, dei tassi di interesse, dell’andamento delle società.

Ieri la giornata è stata priva di interesse. Il Mibtel ha chiuso a 31.570 (-0,17%), il Mib30 a 45.869 (-0,13%) e il Midex a 35.167 (-0,51%). Spiega un analista che il Fib30 ha messo alla prova i supporti di area 45600 e le resistenze di 46200 senza tuttavia inviare segnali direzionali chiari. Il future e’ in ogni caso ancora al di sopra della linea ribassista tracciata per i massimi di area 48500, linea che ora supporta il mercato da 45400/500.

Segnali in favore del rialzo verrebbero dal superamento di 46200/300. Solo movimenti oltre 47600 allontanerebbero il rischio di una evoluzione successiva al ribasso. Al di sotto di 45400 gli spazi di discesa potrebbero essere limitati a 45200, livello di supporto considerato solido.