Petrolio soffre timori crisi globale: -2% a 70 dollari

17 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Continuano a cadere le quotazioni del petrolio, sui persistenti timori di un allargamento della crisi europea, che potrebbe riflettersi sull’intensità e sul timing della ripresa economica mondiale.

La domanda di greggio ne risentirebbe pesantemente, riflettendosi sui prezzi del crude, dati anche gli elevati livelli delle scorte.

Il contratto di giugno sul light crude stamattina scambia a 70,12 dollari al barile, in ribasso di oltre il 2% rispetto allo scorso venerdì.