Petrolio in aumento: preoccupazioni sulla domanda Cinese

27 Aprile 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono scesi oggi a causa dell’impennata del dollaro che ha reso i barili più costosi e la Germania, la più grande economia europea, sta accelerando i piani per svezzarsi dal petrolio russo mentre l’epidemia di coronavirus continua ad offuscare le prospettive economiche della Cina.

La capitale cinese Pechino ha esteso i suoi test di massa COVID-19 a gran parte della città di quasi 22 milioni di persone mentre la popolazione si prepara a un blocco simile a quello di Shanghai.

Grafico giornaliero petrolio Brent

Gianmarco Carriol | Wall Street Italia

Cosa potrebbe influenzare i prezzi del petrolio nel prossimi futuro

Il colosso energetico russo Gazprom ha dichiarato mercoledì di aver interrotto le forniture di gas a Bulgaria e Polonia in una grande escalation della più ampia guerra della Russia con l’Occidente.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che la Russia sta usando i combustibili fossili per ricattare l’UE, ma ha aggiunto che l’era dei combustibili fossili russi in Europa sta volgendo al termine.

La Germania sta portando avanti i tentativi di diventare indipendente dalle importazioni di petrolio russe. Il ministro dell’Economia tedesco ha affermato che i piani per la Germania di assumere il controllo della raffineria PCK Schwedt, di proprietà maggioritaria di Rosneft e l’ultimo grande acquirente tedesco di greggio russo, stanno procedendo.

Nonostante il panorama geopolitico, però, gli analisti sostengono che il rilascio di petrolio dalle riserve di emergenza ha attenuato in una certa misura le preoccupazioni per la scarsa offerta.

“L’attenzione si è spostata sul lato della domanda dell’equazione e le preoccupazioni per le interruzioni prolungate dell’approvvigionamento sono state notevolmente mitigate dal rilascio di 240 milioni di barili di petrolio da parte dei membri dell’IEA e dall’apparente, anche se alquanto oscurato, commercio di petrolio russo”, ha affermato Tamas Varga del broker petrolifero PVM.

Un segnale ribassista per i mercati petroliferi, dato che è stato stimato che in media le scorte di greggio statunitensi sono aumentate di 2,2 milioni di barili nella settimana fino al 22 aprile.

Separatamente, il gasdotto CPC e il terminal del Mar Nero, che spediscono circa l’80% delle esportazioni di greggio kazako, sono tornati a piena capacità il 23 aprile dopo aver lavorato a metà capacità per diverse settimane a causa di punti di ormeggio danneggiati dalla tempesta.

Bloccato il piano di trivellazione in Alaska

L’amministrazione Biden lunedì ha ribaltato una controversa decisione dell’era Trump che avrebbe dovuto aprire nuove aree dell’Alaska artica allo sviluppo del petrolio.

Il Bureau of Land Management, parte del Dipartimento degli Interni, ha resuscitato le politiche di gestione dell’era Obama nella National Petroleum Reserve in Alaska, un’area di 23 milioni di acri (9,3 milioni di ettari) sul lato occidentale del North Slope dell’Alaska. La produzione di petrolio dell’Alaska è in calo da decenni e l’anno scorso ha raggiunto il minimo di 45 anni.

Il piano annunciato dall’amministrazione dell’ex presidente  Trump nel 2020, mirava a consentire trivellazioni di petrolio su oltre l’80% della riserva Acomrpese quelle vicine al lago Teshekpuk, il lago più grande del North Slope, un’area apprezzata per la fauna selvatica che era stata protetta da regole risalenti all’amministrazione Reagan.

Il senatore statunitense Dan Sullivan, repubblicano dell’Alaska e sostenitore del leasing esteso, ha criticato la decisione in quanto riduce la sicurezza energetica in un momento storico come quello attuale.