Permane il cauto ottimismo degli economisti globali di Citi sulle prospettive economiche mondia

30 Novembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

Secondo Willem Buiter, Chief Economist di Citi, il 2011 sarà probabilmente un altro anno di crescita globale non omogenea, con incrementi del PIL pari al 3,4% nel 2011 e del 3,8% nel 2012. Nell’edizione di quest’anno del Global Economic Outlook, a cura di Citi, Buiter scrive che pur restando sopra la media, la crescita internazionale nel 2011 rappresenterà un fenomeno insolitamente disomogeneo, perché meno della metà dell’economia globale registrerà una forte crescita. Il report previsionale, dal titolo “Prospects for Economies and Financial Markets in 2011 and Beyond” (Prospettive per le economie e i mercati finanziari nel 2011 e oltre) è stato oggi pubblicato dal gruppo Investment Research and Analysis di Citi. Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Citi – Contatti con i mediaAustralia:Judy Hitchen, +61 (2) [email protected]:Devonne Spence, +44 (0) 207 986 [email protected] Kong:Yvonne Chan, +852 [email protected] latina:Anthony Ingham, [email protected]:Yumiko Iuchi, +81 (3) [email protected]:Sophia Stewart, [email protected]