PER ORA NON C’E’ MOTIVO PER ACQUISTARE AZIONI

29 Maggio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Il Dow Jones si avvicina pericolosamente alla media mobile a 200 giorni a quota 9.895,64. Al momento non vediamo ragioni per tornare ad acquistare sui mercati azionari.

Martedi’ ancora una volta i mercati americani hanno chiuso la sessione in ribasso, affossati dal comparto semiconduttori e software. Intel (INTC – Nasdaq) ha ridotto il prezzo dei chip applicando sconti fino al 53%.

Certamente questi sono almeno in parte compensati dall’aumento di produttivita’ raggiunto durante l’anno. La mossa di Intel costringe Advanced Micro Devices (AMD – Nyse) a fare altrettanto. La banca d’affari Merrill Lynch ha gia’ rettificato gli utili previsti di Intel di conseguenza.

Cattive notizie arrivano anche dal mercato delle memorie DRAM. Il prezzo spot del chip da 128 MB DRAM e’ arrivato nella giornata di ieri a $1,80 contro un prezzo di $5 di aprile.

L’eccitazione derivante dal miglioramento della fiducia dei consumatori i cui dati sono stati pubblicati ieri, si e’ velocemente spenta sulle prospettive negative disegnate dagli analisti per i prossimi sei mesi.

Al momento la nostra analisi considera i rischi di inflazione moderati. Oggi i dati pubblicati in Italia mostrano un tasso tendenziale del 2,3%, nuovo minimo dall’aprile del 2000.

*Dieter Bohlens e’ capo analista della trading room presso la sede centrale della Hamburgische Landesbank di Amburgo (Germania).