Per la Fed la ripresa sarà più debole del previsto

11 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Confermate ieri sera dalla Fed le preoccupazioni dei mercati finanziari sullo stato di salute dell’economia a stelle e strisce. Il presidente della banca centrale americana, Bernanke, infatti ha ammesso che la ripresa economica sarà più lenta di quanto ci si attendeva nel breve termine, come confermato dai dati sul mercato del lavoro e del settore immobiliare che continuano a navigare in cattive acque affossando i consumi. Proprio per tale motivo il Fomc ha deciso ancora una volta di lasciare invariati i tassi d’interesse tra lo 0-0,25%, che resteranno eccezionalmente bassi per un periodo prolungato. La Fed ha deciso inoltre di stimolare l’economia intervenendo sul mercato dei titoli di stato, con investimenti dei ricavi dei bond in scadenza legati ai mutui in Mbs (mortgage-backed security).