Per gli ottimisti, un po’ di dati oggettivamente negativi

3 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

L’indice ISM dei servizi ha deluso le attese e, dettaglio ancora peggiore, la componente occupazionale e’ scesa sotto quota 50, a 48.2, che rappresenta i minimi da gennaio nonche’ la prima contrazione da inizio anno. Come se non bastasse, il superindice settimanale ECRI e’ scivolato un’altra volta sotto il -10%, la soglia presagio di una seconda recessione.

L’attivita’ dei servizi si e’ attestata in area 51,5 in agosto, sotto le previsioni che erano per un risultato di 53,2 dopo i 54.3 di luglio. E’ la seconda peggiore lettura dell’anno. Tutte le componenti sono di gran lunga sotto le stime (Nuovi Ordini, Occupazione, Attivita’ aziendale), tranne i prezzi, che e’ un segnale quasi deflazionario.

Ma il mercato dorme sonni tranquilli, perche’ l’economia ha perso “solo” altri 54 mila posti di lavoro in agosto (e oltre 160 mila se aggiustati al rapporto tra nascite e morti). Tutto va bene a Wall Street e la parola “seconda recessione” e’ sparita dal flusso di notizie. Sono proprio tempi folli.