Per Ballard la crisi europea non inciderà più di tanto su economia globale

27 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il presidente della FED di St.Louis, James Ballard, ha detto che la crisi del debito sovrano in Europa con buona approssimazione dovrebbe essere circoscritta all’interno della regione, così come il recupero economico negli Stati Uniti ha protetto l’Asia dall’esserne contagiata. Ha poi aggiunto che “il recupero negli Stati Uniti è forte, l’Asia è molto forte e non vedo grossi problemi per l’Europa”. I ministri dell’eurozona hanno deliberato lo scorso 2 maggio per fornire una liquidità di 110 miliardi di Euro come aiuto alla Grecia, mentre il paese lotta per controllare un deficit che ha raggiunto l’anno scorso il 13.6 per cento del prodotto interno lordo, più di quattro volte il limite di Unione Europea congelato al 3 per cento. Quando ciò non è bastato ad arrestare la speculazione ribassista sullì’Euro, l’Unione Europea ha offerto un cavo di sicurezza finanziario di quasi $1 trilione agli stati membri. Molti paesi hanno ristrutturato il proprio debito riuscendolo a stabilizzare nel corso degli anni. Nella maggior parte dei casi questo non ha provocato alcun genere di problema per l’economia globale e questo perchè non c’è motivo, sempre a detta di Ballard, per il quale una particolare crisi di debito sovrano debba significare qualche cosa per l’economia globale.