PD al 43%, come ai tempi della DC

1 Luglio 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Se si votasse oggi per le Politiche, il PD sarebbe con il 43% il partito di gran lunga maggioritario in Italia, con il M5S al 20, Forza Italia al 15, la Lega di Salvini al 6% ed il partito di Alfano al 4%.
Un italiano su due non vede all’orizzonte un leader in grado di competere con Renzi nei futuri scenari elettorali

Se si votasse oggi per le Elezioni Politiche, secondo i dati dell’ultima indagine dell’Istituto Demopolis per il programma Otto e Mezzo, il PD sarebbe con il 43% il partito di gran lunga maggioritario nel Paese, con il Movimento 5 Stelle al 20%, Forza Italia attestata al 15%, la Lega di Salvini al 6% e il partito di Alfano al 4%. Sotto il 3% tutte le altre liste.

“È un panorama molto semplificato rispetto al recente passato nel quale – afferma il direttore di Demopolis Pietro Vento – un italiano su due non vede all’orizzonte un leader in grado di impensierire Matteo Renzi nei futuri scenari elettorali”.
Un intervistato su quattro cita Beppe Grillo, appena il 10% Berlusconi, l’8% Salvini. L’egemonia del Segretario del PD, in questa congiuntura politica, è tale che il 48% degli italiani è convinto che il Premier non avrà avversari in grado di batterlo alle prossime Elezioni Politiche.
[ARTICLEIMAGE]
Per il momento, secondo il Barometro Politico Demopolis, i cittadini, in larga maggioranza, sembrano fidarsi di Renzi, il cui consenso, al di là delle riforme, si misurerà soprattutto sulla capacità del Governo di rimettere in moto il tessuto produttivo del Paese e di rilanciare l’occupazione.

Nota informativa – L’indagine è stata condotta dal 25 al 26 giugno 2014, per il programma Otto e Mezzo (LA7), dall’Istituto Demopolis, su un campione stratificato di 1.000 intervistati, rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne. Direzione della ricerca a cura di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Supervisione della rilevazione con metodologia CATI-CAWI di Marco E. Tabacchi.