Passaggio generazionale: i 5 errori che i genitori devono evitare

6 Ottobre 2021, di Alberto Battaglia

Le generazioni più giovani si apprestano al passaggio generazionale ricevendo in eredità la ricchezza accumulata dai genitori e avranno di fronte a sé una sfida nella gestione del patrimonio che i propri genitori, in molti casi, non hanno conosciuto. Ma spesso succede che una larga percentuale delle eredità, per una serie di ragioni, finisce con il dissiparsi in mille rivoli.

Passaggio generazionale, gli errori da evitare

La financial planner e partner di Zenith Wealth, Chelsea Ransom-Cooper ha condiviso con Insider alcuni degli errori più frequenti nella preparazione al passaggio generazionale: ecco cosa evitare.

  1. Non risparmiare per la propria pensione. Molti genitori risparmiano e investono per i loro figli senza assicurarsi che la loro stessa pensione sia assicurata, ha affermato la consulente. Se si è costretti a dover scegliere fra la pensione e i risparmi per il college, molti genitori danno la priorità a questi ultimi a scapito della sicurezza del loro futuro. La decisione potrebbe ostacolare gli stessi figli a lungo termine, poiché questi ultimi saranno chiamati a prendersi cura dei loro genitori anche finanziariamente durante la pensione.
  2. Non capire quali veicoli di investimento usare. Molti genitori non comprendono il potere dell’investimento e dell’interesse composto, ha affermato Ransom-Cooper, di conseguenza, spesso lasciano i soldi ai loro figli in conti di risparmio invece che in conti di investimento, rinunciando a possibilità di crescita importanti.
  3. Pianificazione successoria impropria. Avere un piano successoria in ordine, come un testamento, designazioni di beneficiari o tutori per i bambini più piccoli, è un passo necessario che i genitori spesso non affrontano, ha affermato la consulente.
  4. Non parlare del denaro. “Quando non hai queste conversazioni con i tuoi figli, li metti in difficoltà. Quindi devono imparare” come rapportarsi con il denaro e il risparmio “in altri modi e con altri strumenti che potrebbero non essere necessariamente accurati”, ha dichiarato Ransom-Cooper. “Con molti dei clienti che assisto, abbiamo un sacco di conversazioni sul loro rapporto con il denaro. Nove volte su 10, dicono che con i loro genitori non hanno avuto conversazioni sul denaro”.
  5. Fare troppo per i figli. Il sostegno economico verso la prole non dovrebbe oltrepassare quella soglia che rende ai figli più complicato il percorso verso l’indipendenza. “Non si voglia fare tutto per i propri figli, per poi lasciarli senza alcuna comprensione o concetto di denaro”, ha concluso Ransom-Cooper. “Ma non si faccia neanche troppo poco, laddove il bambino si sente come se dovesse fare tutto da solo. C’è una linea sottile nel mezzo”.